Svolta per l’ex Upim, tre attività pronte ad affittare gli spazi. ​Cardinali: «I locali più grandi ospiteranno un importante gruppo nazionale»

I locali dell'ex Upim
I locali dell'ex Upim
di Mauro Giustozzi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Maggio 2022, 06:20

MACERATA - Il rilancio del commercio in centro storico passa anche dai locali ex Upim che torneranno a vivere con nuove attività commerciali a partire dal prossimo autunno. Quando saranno almeno tre le attività che sono pronte ad insediarsi negli ampi locali di Galleria del Commercio. Un grande gruppo nazionale italiano ha infatti definito l’affitto di gran parte del piano che si affaccia su corso Matteotti, un altro franchising milanese ha acquisito un’altra porzione dello stesso piano nobile mentre in quello S1 troverà posto intanto una catena di lavanderie a gettone che sbarcherà in città in attesa di altre aziende interessate ad occupare i restanti spazi. 

 
A oltre un anno dall’avvio dei lavori di ristrutturazione dell’ex Upim finalmente si vede all’orizzonte un utilizzo di spazi che non potranno che ridare lustro al centro storico. Una soddisfazione non solo per la città ma anche per Marco Cardinali, l’imprenditore che ha acquistato l’immobile, lo sta ristrutturando ed ha creduto fortemente nel rilancio di una struttura chiusa da decenni. «Giornata impegnativa ed importante quella odierna (ndr. ieri) passata con i tecnici a valutare la predisposizione degli spazi per le aziende che andranno ad occupare i nuovi locali – esordisce lo stesso Cardinali -. Nonostante la pandemia prima e la guerra poi siamo giunti finalmente a concretizzare quelle trattative che erano in corso da tempo per affittare i locali dell’ex Upim. Partiamo dalla ristrutturazione dell’intero manufatto che contiamo di consegnare a chi poi vi insedierà le proprie attive ai primi di settembre. A quel punto mancherà solo qualche finitura che spetta realizzare agli affittuari. Il piano principale è completato, quello S1 per metà lo consegneremo mentre l’altra metà resterà grezza in quanto aprire l’intero piano implicherebbe problematiche che allungherebbero i tempi. Solo quando decideremo cosa fare con l’altra metà dell’S1 (il piano che si affaccia su vicolo Ferrari) lo completeremo. Questo piano lo stiamo allestendo con la stessa logica del piano principale, cioè locali posizionati sulla destra e corridoio centrale». 
Questo il punto sui lavori, ma la notizia più importante riguarda l’arrivo di nuovi marchi di caratura nazionale che andranno ad occupare quasi l’intero piano di Galleria del Commercio e parte del piano sottostante. «Per quanto riguarda il primo piano, quello su strada – spiega Marco Cardinali - abbiamo un’ampia porzione, circa metà dell’ambiente disponibile di 250 mq, che ci è stato richiesto da un gruppo nazionale importante italiano di cui non posso svelare il nome. Ciò che posso dire è che non riguarderà abbigliamento e ristorazione. Sarà una sorpresa perché il marchio è davvero prestigioso. Nella parte finale del piano principale, per circa 120 mq, aprirà un franchising la Skin Medic che opera nel campo medico-estetico altamente specializzata nei trattamenti di foto epilazione laser, nei trattamenti per la pelle del viso e del corpo, nei trattamenti per il dimagrimento con apparecchiature ad alto contenuto tecnologico. Qui rimarrà un locale di 60 mq la cui destinazione sarà di affitto a sé oppure di collegamento col piano inferiore con una scala con eventuali altri locali che si potranno creare per una metratura complessiva di 120/160 mq.». 
E nel piano S1 sono previsti altri tre locali, uno dei quali in prossimità dell’ingresso che ha già una sua definizione con l’affitto da parte di un’altra azienda nazionale di servizi. «Su circa 100 metri quadrati sarà insediata una lavanderia automatica a gettoni – afferma Marco Cardinali - della nota catena Speed Queen, totalmente automatizzata e priva di personale quindi. Proprio oggi c’è stato un primo incontro con i tecnici di questo gruppo che poi dovrà installare queste lavatrici automatizzate. L’obiettivo è di consegnare gli ambienti alle aziende che qui troveranno la loro sede ai primi di settembre, compatibilmente con i tempi di reperimento dei materiali, faccio l’esempio dei condizionatori, dovuti ai mercati internazionali di approvvigionamento dei materiali. Cercheremo di rispettare però questa tempistica».
Entro settembre dovrebbe anche essere completato il montaggio dell’ascensore che collegherà via Armaroli con Galleria del Commercio ed avrà un’uscita anche al piano intermedio, all’altezza di vicolo Ferrari. Di questo se ne occuperà il Comune che ha acquistato alcune porzioni dell’immobile ex Upim dove realizzare l’ascensore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA