Va a fare la prova per la patente con l’auricolare, smascherato dall'esaminatrice e denunciato

Martedì 21 Luglio 2020
Sul posto è intervenuta la polizia

MACERATA - Va a fare l’esame teorico per prendere la patente con un auricolare Bluetooth color carne e un telefono cellulare, smascherato dall’esaminatrice. Nei guai un uomo di 38 anni, residente a Monte San Giusto, di origini indiane. È successo nella mattinata di ieri, intorno alle 10. Poco prima l’uomo si era presentato alla Motorizzazione civile, come privatista, per sostenere l’esame teorico per prendere la patente.
Parlava poco italiano e, come al solito, questo particolare aveva destato, per forza di cose, dubbi e perplessità. Ha svolto la prova, senza fare alcun errore, ma vedendolo attentamente l’esaminatrice si è accorta che sotto la maglia colorata che indossava aveva nascosto un cellulare. Così ha immediatamente chiamato la polizia. È scattata, dunque, la perquisizione.
Addosso l’uomo aveva appunto un telefono cellulare e dentro l’orecchio un auricolare color carne, difficile da individuare e addirittura da tirare fuori: il classico auricolare Blootooth che viene spesso e volentieri usati per questo genere di truffe. L’uomo, dunque, è stato portato negli uffici della polizia. La denuncia, come da prassi, è in arrivo. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA