Sanità, Daniela Corsi fuori dalla lista dei direttori: «Legali già al lavoro per il ricorso»

Corsi fuori dalla lista dei direttori «Legali già al lavoro per il ricorso»
Corsi fuori dalla lista dei direttori «Legali già al lavoro per il ricorso»
di Marco Pagliariccio
2 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Dicembre 2022, 03:45 - Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 16:03

MACERATA  - Vuole vederci chiaro la dottoressa Daniela Corsi sul mancato inserimento del suo nome all’interno della lista dei direttori idonei per le aziende sanitarie locali stilata dal ministero della Salute nei giorni scorsi. L’attuale sub-commissario dell’Area vasta 3 annuncia infatti che sta mettendo a punto il ricorso sulla vicenda. 

 

«I miei legali sono al lavoro, dovremmo riuscire a impugnare l’atto già prima di Natale – commenta Corsi – è stata una cosa che ci ha meravigliato: avevo presentato la domanda regolarmente entro il termine del 28 aprile e avevamo anche fatto delle simulazioni per i possibili punteggi, non si capisce perché il mio nome sia sparito dall’elenco. Ci sono stati casi in passato di sviste ed errori materiali nello stilare questi elenchi, spero sia questo anche il mio caso. Attendiamo la pubblicazione dell’istruttoria, attesa per questi giorni. La burocrazia ha i suoi tempi, per cui ci siamo mossi subito per fare chiarezza sull’accaduto». Un’assenza, quella di Corsi all’interno dell’elenco ministeriale, che ha fatto rumore visto che è condizione imprescindibile per occupare quell’incarico di direttore della nuova Azienda sanitaria locale di Macerata, l’ente che dal primo gennaio prenderà il posto dell’Area vasta. Un posto che sembrava destinato alla stessa Corsi. 

Come confermato da lei stessa, per avere maggiore chiarezza sull’accaduto bisognerà attendere la pubblicazione del documento allegato all’elenco in cui ci sono i motivi per cui si viene dichiarati idonei oppure no, documento istruttorio che era atteso per la giornata di martedì e che invece ancora non è stato reso noto.

A giocare contro la Corsi sono i tempi: dal primo gennaio la giunta regionale potrà nominare i commissari per le cinque neo costituite Aziende sanitarie locali, i quali, poi, dopo aver sostenuto un colloquio, avranno l’incarico di direttore a tutti gli effetti. Ma le scelte potranno ricadere solo su soggetti che compaiono nella lista del ministero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA