Ex panettiere morto il giorno dopo la prima dose di vaccino: oggi l'autopsia

Venerdì 9 Luglio 2021 di Benedetta Lombo
Ex panettiere morto il giorno dopo la prima dose di vaccino: oggi l'autopsia

MACERATA - Morto il giorno dopo il vaccino, questa mattina alle ore 9.30 il medico legale Roberto Scendoni inizierà le attività autoptiche sul corpo di Luciano Bettucci, l’ex panettiere 59enne morto improvvisamente martedì scorso nella sua abitazione in via Pace. L’esame verrà eseguito all’obitorio dell’ospedale cittadino ed è finalizzato ad accertare la causa della morte (al momento l’ipotesi più accreditata dal semplice esame esterno è che a uccidere il maceratese sia stato un infarto, ndr) e, laddove fosse possibile, stabilire se ci sia stato un nesso di causalità tra la prima dose di vaccino (Pfizer) che era stata inoculata al 59enne la sera precedente e la sua morte.

Contagi, rialzo del 130%. I numeri delle Marche restano però da zona bianca, ma l'attenzione deve restare alta

 

Sono questi i quesiti posti dal pubblico ministero Stefania Ciccioli al medico legale dopo la segnalazione fatta subito dopo il decesso dai carabinieri della Compagnia del capoluogo. A chiedere che venga fatta chiarezza su quella morte così improvvisa è stata anche la moglie di Bettucci, Elizabeth Chuchon. La donna martedì pomeriggio era in casa quando sentì un rumore forte provenire dal bagno, aveva chiamato il marito, ma senza ottenere risposta, si era precipitata allora in bagno ma lì lo aveva trovato riverso a terra. Aveva chiamato i soccorsi ma i sanitari del 118 non hanno potuto fare niente per strappare il coniuge alla morte. Ai carabinieri Chuchon ha raccontato le difficoltà avute dal marito nelle ultime ore di vita: nel tardo pomeriggio di lunedì Bettucci aveva ricevuto la prima dose del vaccino ed era tornato a casa, stava bene, ma di notte era iniziata la nausea, aveva rimesso tre volte e al mattino presto a casa era intervenuta la guardia medica. Il medico gli aveva somministrato un antiemetico e le sue condizioni erano momentaneamente migliorate. Nel primo pomeriggio aveva la pressione un po’ più alta del solito, poi si era rimesso al letto, verso le 18.30 il drammatico epilogo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA