Corsa al voto, a Bolognola ecco tre liste. La maggioranza invece si spacca a Esanatoglia. La situazione negli altri centri

Domenica 22 Agosto 2021 di Monia Orazi
Corsa al voto, a Bolognola ecco tre liste- La maggioranza invece si spacca a Esanatoglia. La situazione negli altri centri

MACERATA  - Si inizia a comporre nei piccoli centri dell’entroterra montano il quadro delle liste elettorali in vista delle elezioni comunali, previste per il 3 e 4 ottobre. A Bolognola, a sfidare il sindaco uscente Cristina Gentili 45 anni, ci saranno altre due liste; una presenta Mauro Angelo Blanchi 71enne, già sindaco di Fiastra per due mandati; l’altra si chiama Tutti insieme per Bolognola e ha come portavoce Giorgio Onorato. 

 

Anche a Castelraimondo ormai i giochi sono fatti. Già pronti manifesti e lista per Patrizio Leonelli, 68 anni imprenditore nel settore degli attrezzi da taglio; è stato vicesindaco di Castelraimondo dal 2011 al 2016, assessore ai lavori pubblici per cinque mandati consecutivi. In lista con lui dovrebbero esserci anche gli ex sindaci Luigi Bonifazi e lo stesso Renzo Marinelli, consigliere regionale. Sull’altro fronte si è costituito il gruppo civico “Assemblea per Castelraimondo” con candidato sindaco Costantino Mariani, 62 anni manager di azienda privata, già consigliere comunale dal 1993 al 1997. 


Acque agitate nella maggioranza di Esanatoglia che probabilmente si presenterà con due liste alle comunali. Si ricandida Luigi Nazzareno Bartocci, 60 anni ad ottobre, sindaco uscente; un gruppo di cittadini, tra cui alcuni consiglieri uscenti stanno invece lavorando a una lista civica, si parla di una donna come candidato sindaco. A sfidarli sul fronte opposto l’ingegnere Nello Tizzoni, originario di Esanatoglia che lavora ad Ascoli Piceno, che sta preparando una lista. A Muccia due per il momento le candidature certe: il sindaco uscente Mario Baroni, 73 anni, e di Diego Camillozzi, 45 anni, presidente dell’associazione “La terra trema noi no”. 


A San Severino si profila una sfida a tre. Al momento l’unico gruppo operativo è “Fabbrica San Severino”, lanciato dai consiglieri uscenti Francesco Borioni e Mauro Bompadre, che sta incontrando varie realtà territoriali. Non scioglie la riserva il sindaco uscente Rosa Piermattei, ma molti segnali lasciano supporre che si ricandiderà. Il centrodestra ha sciolto ieri la riserva sul nome del candidato sindaco (leggi articolo a parte nella pagina di San Severino, ndr): è l’ex assessore Tarcisio Antognozzi. Sono sette i Comuni chiamati alle urne nel Maceratese: oltre a quelli già citati ci sono Morrovalle e Porto Recanati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA