Macerata: 13enne in trasferta fuori provincia fa scorta ​di cannabis light per gli amici

Martedì 10 Dicembre 2019
La questura

MACERATA - «Il fatto grave è che la cannabis legale può essere acquistata anche dai ragazzini in quanto nessuna norma vieta la vendita ai minori». A lanciare l’allarme è il questore Antonio Pignataro, che cita un episodio. «Dalle testimonianze raccolte dai miei poliziotti è emerso che un 13enne si è recato in un’altra provincia per fare scorta di cannabis light da poter vendere agli amichetti. Questo è successo dopo i ripetuti blitz effettuati nei negozi del Maceratese, che hanno reso introvabili certe sostanze». 

«Nei reparti di pediatria di ogni ospedale - sottolinea il questore - si assiste all’aumento dei ragazzi ricoverati per patologie causate dall’uso di droga. Non bisogna abbassare la guardia». Pignataro poi racconta di una mamma che gli ha scritto una lettera di ringraziamento.

LEGGI ANCHE:

Macerata, dopo i negozi sequestrata cannabis in un'azienda agricola

Il Tribunale restituisce i prodotti Cannabis light, sorridono gli shop

«Le sue parole evidenziano l’importanza della lotta alla droga. Ha espresso la preoccupazione di tutte le mamme per la possibilità che i loro figli possano cadere nel tunnel dello sballo, iniziando dalla cannabis light, che è l’anticamera dell’inferno, ovvero della cocaina e dell’eroina. Non daremo tregua ai negozi della cosiddetta cannabis legale e voglio ricordare le parole del giudice Borsellino: “Liberalizzare la droga per combattere il traffico clandestino? È da dilettanti di criminologia”. Alla liberalizzazione si sono sempre detti contrari anche il giudice Falcone, il capo della polizia Gabrielli, il procuratore Gratteri, Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI e Papa Francesco. La polizia, le altre forze dell’ordine e l’autorità giudiziaria maceratese, con il procuratore Giorgio e i suoi valorosi sostituti, saranno sempre impegnate nel contrasto di qualsiasi forma di spaccio: un impegno riconosciuto anche dall’opinione pubblica. Legalizzare la cannabis light significa aumentare l’uso della cannabis tradizionale e, successivamente, quello di cocaina e eroina. Insomma, avremo più consumatori di droga. Non c’è medico, ricerca scientifica o organizzazione mondiale di ricerca, che dica che la droga non fa male».

Poi il questore evidenzia un aspetto: «C’è un pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite: la cannabis cosiddetta legale non può essere venduta. Ora è necessario un intervento del legislatore. Purtroppo c’è una visione falsata da parte della propaganda per promuovere la cannabis, anche attraverso cartelloni pubblicitari a caratteri cubitali. Così si mira ad avvelenare i nostri ragazzi in quanto il messaggio che passa in modo maldestro è che la cannabis può essere acquistata come se fosse cioccolata o marmellata. Ma il Consiglio superiore della sanità si è espresso chiaramente affinché non sia consentita la libera vendita». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA