Armato di coltello tentò una rapina in un supermercato, condannato un uomo di 34 anni

Armato di coltello tentò una rapina in un supermercato, condannato un uomo di 34 anni
Armato di coltello tentò una rapina in un supermercato, condannato un uomo di 34 anni
di Benedetta Lombo
3 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Marzo 2022, 06:25

MACERATA  - Armato di coltello tentò una rapina alla Crai di Recanati, condannato un 34enne argentino di Fermo. Sette mesi e 10 giorni di reclusione in continuazione con una precedente condanna a tre anni e 4 mesi (per una rapina messa a segno il giorno successivo in un supermercato Sì con te a Porto Recanati) è la pena inflitta dal giudice.

 

La vicenda finita ieri all’attenzione del giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Macerata Giovanni Maria Manzoni, risale invece al giorno precedente. Era il 15 dicembre del 2020 quando il giovane entrò nel supermercato Crai di via Nazario Sauro armato di coltello. Raggiunta la cassa sfilò fuori l’arma e la puntò contro la cassiera intimandole di darle tutto quello che aveva in cassa: «Dammi i soldi e non ti faccio niente». Aveva appena pronunciato la minaccia quando si era avvicinato un cliente e lui era scappato a mani vuote. Individuato a seguito di rapide e puntuali indagini dai carabinieri della Compagnia di Civitanova guidata dal capitano Massimo Amicucci, ieri per il giovane si è celebrata l’udienza preliminare.

Accusato di tentata rapina, il gup lo ha condannato a sette mesi e 10 giorni di reclusione in continuazione con una precedente condanna a tre anni e quattro mesi per una rapina compiuta il giorno successivo, il 16 dicembre 2020 (con un complice che era rimasto fuori ad attenderlo in auto) al supermercato Sì con te in via 29 marzo a Porto Recanati. Nel supermercato portorecanatese il 34enne, sempre con la minaccia di un coltello in ceramica con la lama lunga 10 centimetri, era riuscito a farsi consegnare dalla cassiera e dalla titolare che nel frattempo era intervenuta la somma di circa 700 euro. Per quest’ultimo episodio il giovane era stato condannato per i reati di rapina (consumata) aggravata e di porto illecito del coltello. In aula l’accusa era sostenuta dal pm Rita Barbieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA