L’app Cyrco al debutto con i negozianti in vetrina: l'idea piace, più di cento le adesioni

Martedì 11 Maggio 2021 di Mauro Giustozzi
L app Cyrco al debutto con i negozianti in vetrina: l'idea piace, pù di cento le adesioni

MACERATA  - Sta per partire la nuova app Cyrco, la prima piattaforma ideata per dare risalto ai commercianti, gli artigiani e i produttori locali della provincia di Macerata, operanti al di fuori di centri commerciali e della grande distribuzione. Sono oltre 100 le aziende che hanno dato la loro adesione con la maggior parte proveniente dal capoluogo ma anche ditte che operano nei paesi di Ripe San Ginesio ed Appignano faranno parte di questa vetrina digitale sempre aperta ad includere nuove attività commerciali. 

 

LEGGI ANCHE:

Il sindaco sul pranzo al ristorante con Cesare Bocci: «Attacco non solo inutile, ma dannoso»

 


Il progetto Cyrco (come l’economia circolare) è frutto dell’inventiva di due giovani della provincia, Simone Mengoni di Montecassiano e Tommaso Cherubini di Macerata che si sono aggiudicati il bando Start e il relativo finanziamento. La partenza ufficiale della piattaforma è prevista per il 14 maggio alle ore 14 con una presentazione sui canali social di Cyrco e subito quel giorno la app sarà scaricabile per iOs e Android completamente gratis. 

Seguiranno i Cyrco Days sabato 15 e domenica 16 maggio dalle ore 11 alle 20.30 quando sarà allestito uno stand nel centro storico di Macerata e verranno regalati gadget e premi come t-shirt, portachiavi, stickers, spillette e molto altro in collaborazione con i partner dell’iniziativa. «Quest’app è pensata e sviluppata su misura per i cittadini della provincia di Macerata, con il fine di ripopolare le nostre città e le piccole attività – afferma Tommaso Cherubini -. Uno strumento esclusivo per valorizzare l’economia locale e le attività del territorio. Abbiamo creato questa rete tramite contatti con svariati commercianti del territorio che ci hanno portato ad avere sulla vetrina digitale al momento oltre cento aziende presenti, provenienti nella maggioranza da Macerata, Appignano e Ripe San Ginesio». 

«La tipologia - prosegue - è la più diversa: si va dalla ristorazione all’abbigliamento, dai bar a salute e benessere, poi gli empori e in generale tutti i servizi di prossimità. L’offerta è ampia e varia ed è sempre aperta ad includere nuove attività merceologiche. Si va dal centro storico di Macerata alla periferia fino ad altri paesi dell’hinterland. Nel sito saranno inserite le offerte dei commercianti. Siamo molto soddisfatti e felici dell’adesione dei commercianti che si sono rivelati pronti ad accogliere questo nuovo modo di rendere visibile la propria attività». Anche l’amministrazione comunale di Macerata ha sposato appieno questo progetto che, in un momento difficile a causa anche della pandemia da covid 19, può sostenere la ripresa del commercio e dell’economia locale. 

«Cyrco è uno strumento innovativo che fa leva sul digitale coniugando la tradizione all’innovazione – ha commentato l’assessore alle Attività Produttive, Laura Laviano -. Il commercio è pronto a ripartire dopo la fase difficile che tutti abbiamo affrontato a causa della pandemia e in tale contesto si inserisce l’app Cyrco che permetterà alle attività della nostra città di fare rete e mettersi in vetrina». Rispetto ai grandi network nazionali e internazionali, Cyrco si rivolge a chi produce e lavora sul territorio, con una ricaduta esclusivamente locale per far incontrare offerta e domanda. «Uniamo tradizione e tecnologia. Ci differenziamo dalle altre app perché usiamo la tecnologia non con il “delivery” (la consegna ordinata online, ndr) ma con una vetrina per i commercianti, lasciando la tradizione del contatto umano che è fondamentale per il nostro territorio. A differenza di piattaforme nazionali noi forniamo un supporto continuo ai commercianti coi quali siamo quotidianamente in contatto. Questa app è nata per risolvere un problema di Macerata ma è pronta per funzionare in qualsiasi città. Al guadagno di commerciante e utente aggiungiamo quello della città. Il delivery svuota la città noi vogliamo riportarci la gente». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA