Precipita dal balcone, cade in quello sottostante. Si rialza, si getta nel vuoto e finisce ancora al piano di sotto. Anziano gravissimo

Precipita dal balcone, cade in quello sottostante. Si rialza, si getta nel vuoto e finisce ancora al piano di sotto. Anziano gravissimo
Precipita dal balcone, cade in quello sottostante. Si rialza, si getta nel vuoto e finisce ancora al piano di sotto. Anziano gravissimo
di Giulia Sancricca
3 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Agosto 2022, 02:30 - Ultimo aggiornamento: 10:16

MACERATA Un anziano precipita dal balcone e cade su quello sottostante. Ma si rialza, si getta di nuovo nel vuoto e finisce ancora al piano di sotto. Quanto accaduto sabato scorso nel quartiere Santa Croce a Macerata, in via Sforza, è servito alla consigliera di minoranza di Macerata Rinnova, Elisabetta Garbati, per accendere i riflettori sul tema del disagio sociale. 

 
L’allarme
«L’estate 2022 è segnata dall’ennesimo dramma - dice -. Un dramma che poteva accadere nel palazzo di ognuno di noi. Magari quell’anziano (trasportato in eliambulanza all’ospedale di Torrette, ndr) è un padre, uno zio, un nonno. Ed è per questo che, come molti cittadini, mi chiedo come mai sia successa una cosa simile. Un anziano non si può svegliare una mattina e decidere di buttarsi dal balcone improvvisamente. Mi chiedo chi debba sorvegliare in questi casi. A chi compete? Nel gergo medico noi diciamo che è meglio prevenire che curare. E questo dovrebbe essere il credo della nostra comunità». 

La riflessione
Garbati invita, quindi, a riflettere sull’importanza di conoscere preventivamente le situazioni di disagio e intervenire prima che sia troppo tardi. «Grande la nostra rete di soccorso - dice, facendo riferimento ai sanitari del 118 e ai vigili del fuoco intervenuti -. Hanno sempre dimostrato professionalità e preparazione nei momenti difficili. Siamo contenti che la nostra sanità funzioni e che i vigili del fuoco di questa cittadina siano grandi, ma non basta. Tutto impeccabile, ma bisognerebbe vedere cosa è mancato prima».

La prevenzione
«Mi chiedo se si potesse prevenire - aggiunge -. Posso capire che sfugga l’imprevedibilità del gesto di un giovane - dice Garbati -, ma di un ottantenne no. L’anziano dovrebbe avere un’attenzione sociosanitaria maggiore». Secondo la consigliera di Macerata Rinnova è importante «dare una risposta ai cittadini. Macerata Rinnova vuole sottolineare la necessità della prevenzione, l’esigenza di intercettare situazioni di disagio prima che sia troppo tardi, come abbiamo avuto modo di vivere già a Macerata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA