Luca, inizia tutta con l’annuncio al bar
«Vado a Macerata e faccio una strage»

Domenica 4 Febbraio 2018
MACERATA - «Stamattina vado a Macerata e faccio una strage». Le idee lucidamente folli di Luca Traini schizzano fuori da un caffè avvelenato: sono le 9.30 al bar del distributore Ip della Statale 77, l’unica stazione di servizio tra Tolentino e Macerata, direzione mare. La quiete prima della tempesta e l’annuncio del raid xenofobo si incrociano sopra una vita da tempo più fuori che dentro la linea rossa dell’equilibrio. Il profilo del giustiziere di Tolentino si staglia così, tra i chiaroscuri di un’esistenza dove ormai faticava a tenere insieme tutto: il rapporto difficile con la famiglia, l’abbandono del padre quando era piccolo, il rapporto conflittuale con il fratello e la mamma che lo aveva costretto a rifugiarsi dalla nonna, a Tolentino. A giudicare dalle urla che sentivano i vicini non era un buen retiro ma solo l’ultimo domicilio rimasto dove tentare di ancorare una condizione precaria su molti fronti. 

Quella affettiva, rimasta sfilacciata dopo una reazione finita male con una ragazza e dopo la quale è fiorita la sua passione per l’ultradestra; quella delle amicizie legate alla sua ossessione della cura del corpo e delle diete dopo che era stato messo alla porta dalla palestra per i suoi atteggiamenti estremisti. E anche la strada della politica non aveva sortito granché: ai banchetti di Forza Nuova e Casapound lo conoscevano come «invasato», poi era entrato nel recinto della Lega con zero voti raccolti alle Comunali di Corridonia l’anno scorso. Traini fondamentalmente era un lupo solitario, rasato a zero, tatuaggio sulla tempia destra, la zeta rovesciata e tagliata a mo’ di svastica, simbolo di Terza Posizione, i neofascisti anni ‘70-‘80. Si vedeva spesso al poligono, dove andava a sfogarsi sparando contro le sagome e garantendosi la scusa buona per avere porto d’armi e pistola, ennesimo caso che riapre la ferita mai chiusa dei permessi “facili”. Un punto, quello tra difesa personale ed esercitazione che troppo spesso finisce per avere uso indiscriminato. E poi c’era l’ultima frontiera prima della linea rossa. Traini era stato assunto ai primi di dicembre alla Agrifactory di Piediripa, azienda agricola che si occupa di allevamento bovini.  Ultimo aggiornamento: 10:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA