Macerata, accusa i parenti di abusi sessuali sui nipotini: anziana a processo per calunnia

Venerdì 22 Maggio 2020
Macerata, accusa i parenti di abusi sessuali sui nipotini: anziana a processo per calunnia

MACERATA - Aveva accusato il cognato di averla sequestrata in auto, poi aveva accusato lui, la sorella, la propria figlia e il genero di abusi sessuali sui nipotini. Ora la donna è sotto processo per calunnia. Ieri il procedimento è approdato davanti al giudice Enrico Pannaggi e al pubblico ministero Francesca D’Arienzo.

LEGGI ANCHE:
Pesaro, esposto di un centinaio di famiglie contro il virologo Roberto Burioni: «Coronavirus, contraddetto dai fatti»

Coronavirus, ira di Ceriscioli contro l'osservatorio di Riccardi: ​«Noi fuori solo a fine giugno? Macchè»

L’udienza ha avuto anche qualche momento un po’ movimentato. L’imputata è una donna di 77 anni originaria di Corridonia, che si è presentata in aula chiedendo più di una volta di poter parlare con il giudice, alla fine è stata allontanata. Il suo difensore, l’avvocato Luca Bartolini, ha sollevato una questione di incompatibilità del giudice, che aveva seguito fatti collegati e l’udienza è stata rinviata al prossimo 9 luglio. Le persone offese si sono costituite parte civile e sono rappresentate dagli avvocati Paolo Giustozzi e Massimo Bertola.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA