Erano abituale ritrovo di pusher e clienti: il questore fa chiudere due bar. Ecco in quali paesi

Domenica 17 Ottobre 2021 di Daniel Fermanelli
Erano abituale ritrovo di pusher e clienti: iIl questore fa chiudere due bar. Ecco in quali paesi

MACERATA  - Ieri mattina gli uomini della Divisione di polizia amministrativa della questura, insieme ai militari della Guardia di finanza, hanno affisso i sigilli ad un bar di San Ginesio e a uno di Petriolo, a seguito di un provvedimento ex art. 100 Tulps emesso dal questore Vincenzo Trombadore su proposta delle Fiamme gialle. 

 


La proposta è scaturita dalla Guardia di finanza a seguito di alcuni arresti che i militari del Nucleo di polizia economico-finanziario hanno effettuato, lo scorso mese di settembre, per spaccio di sostanze stupefacenti. Nell’ambito di una delicata attività di indagine portata avanti dai militari era infatti emerso che entrambi i bar che ieri il questore ha chiuso per 15 giorni venivano spesso utilizzati come base di ritrovo per spacciatori e “clienti” alla ricerca di cocaina. Da qui l’esigenza di richiedere, ferme restando le sanzioni penali applicabili a seguito del procedimento avviato, un intervento del questore che, con l’emissione del provvedimento ex art. 100 Tulps (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) ha voluto «tutelare la sicurezza dei cittadini e preservare l’ordine pubblico indirizzando un preciso monito ai destinatari del provvedimento di chiusura».

Nella stessa direzione e con la stessa finalità, il questore Trombadore, dopo un’attenta istruttoria condotta dalla Divisione anticrimine della questura, ha emesso anche delle misure di prevenzione nei confronti dei tre pusher arrestati dalla Guardia di finanza:  un avviso orale e due Daspo urbani, con il divieto di frequentare per un anno i bar dove i tre uomini spacciavano sostanza stupefacente. 


L’operazione della Guardia di finanza - denominata “Cespuglio” - era stata molto articolata. Seicento grammi di cocaina spacciati tra novembre 2020 e lo scorso marzo, una sessantina i clienti, tre le persone finite agli arresti domiciliari. Un’attività che si era conclusa con l’esecuzione di tre misure custodiali. Lo scorso 2 settembre i finanzieri di diversi reparti del Comando provinciale di Macerata insieme a cani antidroga avevano eseguito l’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Macerata, Domenico Potetti, su richiesta del sostituto procuratore Enrico Riccioni. L’operazione è stata convenzionalmente denominata “Cespuglio” perché quello sarebbe stato lo pseudonimo usato da uno dei tre arrestati. Da quanto emerso alcuni dei clienti non sapevano neppure quale fosse il suo vero nome, ma quando avevano bisogno di cocaina chiamavano “Cespuglio”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA