Folla al funerale, sciarpe del Tolentino e palloncini bianchi per l'addio a Emanuele Mosca. I genitori: «Dovete capire quanto è importante la vita»

Folla al funerale, sciarpe del Tolentino e palloncini bianchi per l'addio a Emanuele Mosca. I genitori: «Dovete capire quanto è importante la vita»
Folla al funerale, sciarpe del Tolentino e palloncini bianchi per l'addio a Emanuele Mosca. I genitori: «Dovete capire quanto è importante la vita»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 20:32 - Ultimo aggiornamento: 20:34

TOLENTINO Oggi pomeriggio l'ultimo saluto a Emanuele Mosca, il giovane tolentinate di 21 anni morto nella notte tra sabato e domenica in un incidente stradale nella frazione di Morichella a San Ginesio. Striscioni, palloncini bianchi e sciarpe cremisi della squadra del cuore per l'addio al ragazzo.  I genitori: il papà Giovanni e la mamma Laura, sono intervenuti per ringraziare i presenti e per lanciare un messaggio chiaro a tutti i giovani. «Vogliamo credere che Emanuele sia morto per tutti voi, per farvi capire quanto sia importante la vita. Bisogna dedicare il giusto tempo al lavoro, allo studio, agli amici e al divertimento. Non si può andare a dormire tutti i fine settimana alle sette del mattino, e questo Emanuele lo faceva».

 

La funzione letta dal fratello Alessandro, novizio degli agostiniani

La funzione è stata celebrata dal priore della basilica di San Nicola, padre Gabriele Pedicino, con tutti i sacerdoti della città e i frati agostiniani. Alessandro Mosca, fratello di Emanuele, novizio della Comunità degli agostiniani ha letto all’inizio della funzione. La chiesa era gremita, in tanti hanno dovuto seguirla dal piazzale. C’erano anche il sindaco Mauro Sclavi, il vice Alessia Pupo, gli assessori Elena Lucaroni e Flavia Giombetti, gli Scout, i volontari della Croce rossa, i compagni di classe dell’Ipsia di Matelica con il gonfalone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA