La provincia di Macerata maglia nera per i contagi: riapre la palazzina ex Malattie infettive. Ragazzo intubato

Venerdì 20 Agosto 2021 di Veronica Bucci
La palazzina ex Malattie infettive

MACERATA - Riaprirà da lunedì, a quasi tre mesi dalla chiusura (il 27 maggio scorso), la palazzina ex Malattie infettive all’ospedale per ospitare i malati di Covid. La decisione è il segno del progressivo peggioramento dei dati della pandemia registrato in provincia di Macerata. Da giorni infatti il territorio segna il peggior dato della regione e anche ieri, secondo il bollettino diffuso dai vertici sanitari, il quadro non ha fatto eccezione: sono stati infatti registrati 78 nuovi contagi sui 208 verificatisi delle Marche. 

Covid, tremila i positivi nelle Marche e ora si teme l’effetto Ferragosto. Le strutture sanitarie sono già in allerta

 


Anche nei pronto soccorso degli ospedali in provincia la situazione si sta facendo più complicata per l’aumento dei ricoveri, arrivati 13: a Macerata, infatti, si registrano cinque pazienti, uno in più a Civitanova e due a Camerino. Nella struttura del capoluogo anche i container esterni aperti nei giorni scorsi ieri si stavano avviando verso la saturazione. In questo quadro tutt’altro che confortante si aggiungono anche casi di contagio piuttosto gravi: ieri, infatti, un giovane contagiato, non vaccinato, è stato trasferito all’ospedale regionale di Torrette dopo essere stato intubato.

A fronte di un quadro che si va complicando non rallenta la campagna di vaccinazione sul territorio tramite la postazione mobile. La direzione dell’ Area Vasta 3 informa che domani e il 28 agosto verranno garantite le sedute vaccinali con il camper a Civitanova e Porto Potenza. Domani la postazione mobile sarà ancora a Civitanova, al Varco sul mare, palazzina liberty sud, dalle 9 alle 12, mentre il 28 agosto a Potenza Picena sempre dalle ore 9 alle ore 12 il camper stazionerà in via Olimpia presso la sede comunale del circolo tennis. Sin dal suo avvio il servizio sul territorio è garantito dalla dottoressa Franca Laici del Dipartimento di prevenzione – Servizio di igiene e sanità pubblica dell’Area vasta 3.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA