Corridonia, Anna Rita uccisa dalla malattia
cinque giorni dopo mamma Maria

Martedì 30 Luglio 2019

CORRIDONIA - Donna muore a cinque giorni dalla scomparsa della madre. Il cuore di Anna Rita Cecchini, titolare di una lavanderia nella zona industriale, ha cessato di battere ieri alle 11 all’hospice di Macerata, dove era ricoverata da qualche tempo. La sessantanovenne era molto conosciuta, non solo a Corridonia. Cinque giorni prima, come detto, era venuta a mancare la madre, Maria Canullo, di 90 anni, a cui era legatissima.

Addio prof Lucarini, una vita in cattedra. Lo sport nel cuore: era l’anima del rugby

Anna Rita ha combattuto fino alla fine contro la sua malattia senza riuscire però a sconfiggerla. All’inizio dell’anno, nel mese di gennaio, la commerciante ha dovuto abbandonare il lavoro a causa delle condizioni di salute.
 
Ma ha voluto comunque continuare a seguire l’attività che aveva avviato 48 anni fa, nella quale lavora il figlio Massimo Storani. «Mia madre – racconta commosso Massimo - era una donna forte. Si è data sempre da fare per aiutare il prossimo, senza pensare a se stessa. Prima c’erano gli altri e poi lei. È stata una persona che ha teso la mano a coloro che poteva aiutare. L’attività in lavanderia è stata per lei una grande soddisfazione e una gratificazione. Era una donna molto impegnata nel lavoro e si dedicava alla famiglia: erano le sue priorità. Una donna energica, non si fermava mai. Era una persona squisita. È stata sempre cordiale e generosa con tutti». Anna Rita Cecchini, oltre al figlio Massimo, lascia il marito Pietro Storani, ora in pensione, che per anni ha lavorato al mobilificio Andreozzi, i fratelli Luigina (che ha sposato il fratello di Pietro Storani), Benita, Roberto e tanto vuoto nel cuore di chi la conosceva. La camera ardente è stata allestita nel primo pomeriggio di ieri alla casa del commiato Verdini di Corridonia. 
I funerali si svolgeranno oggi alle 17 nella chiesa della Sacra Famiglia, nella zona industriale di Corridonia. Tanta sarà le gente che prenderà parte al rito funebre: la commerciante era notissima. Tra l’altro la lavanderia è anche un punto di distribuzione dei sacchetti per la raccolta differenziata e per questo è ancor più frequentata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA