L'appello del sindaco-medico: «No vax e "quelli che aspettano"? Non ce li possiamo permettere»

Martedì 8 Giugno 2021 di Veronica Bucci
Montelupone, l'appello del sindaco-medico: «No vax e "quelli che aspettano"? Non ce li possiamo permettere»

MONTELUPONE - L’appello a vaccinarsi senza attendere arriva anche dal sindaco-medico di Montelupone Rolando Pecora che in un lungo post su Facebook riepiloga i motivi per i quali è bene aderire subito e senza tatticismi alla campagna di prevenzione al Covid-19. «Dopo un calo costante e significativo del numero dei contagi e delle quarantene, negli ultimi 5 giorni nella nostra comunità abbiamo avuto quattro nuovi positivi. Molto probabilmente si tratta di un “rimbalzo” che non dovrebbe allarmare più di tanto.

Sei ospedali Covid free, un milione di vaccini fatti e 17 positivi nelle rianimazioni. Il governatore Acquaroli: «Grazie a tutti»

 

Tuttavia impone una riflessione che inizia con una domanda: cosa succederà a settembre/ottobre? Questa domanda dobbiamo porcela tutti e oggi - sentenzia Rolando Pecora -. Abbiamo visto, toccato con mano, la realtà di tanti nostri concittadini e amici morti per Covid». 

L’analisi

«Abbiamo visto, toccato con mano, il problema delle scuole e della didattica a distanza: le difficoltà e il disagio dei ragazzi/e delle famiglie. Abbiamo visto, toccato con mano, il fastidio di tutte quelle limitazioni che ci hanno cambiato la vita. Abbiamo visto, toccato con mano, tutti, le problematiche economiche e sociali (produttività e lavoro) che il Covid ha causato. Oggi: sta andando molto meglio. I morti calano, le scuole riaperte, minori restrizioni, lavoro e economia in ripresa. Ma anche lo scorso anno a giugno le cose andavano molto meglio: tutti al mare, ristoranti e bar strapieni, discoteche piene, non solo in Sardegna e senza il vaccino. L’unica differenza, infatti, è il vaccino - spiega il sindaco -. Basterà ad evitare il ripetersi della storiaccia?».

Il vaccino

«Certamente sarà importante e finanche decisivo, ma c’è qualcosa che “puzza” e dovrebbe puzzare a molti se non a tutti. C’è il problema di quella fetta che non crede ai vaccini, dei no vax (10%, 20%, di più?): sarà indolore la loro scelta (morti, scuola, economia, lavoro, libertà)? Ce la possiamo permettere (morti, scuola, economia, lavoro, libertà)?». Ma secondo il sindaco-medico c’è anche un altro problema, a suo avviso anche peggiore. Ed è quello di coloro che “stanno alla finestra”, di quelli che teorizzano “io aspetto a vaccinarmi, vedo quello che succede, poi, eventualmente, a settembre/ottobre mi vaccino. Nel frattempo rischino gli altri!”. «Il presupposto per entrambi è lo stesso - spiega Pecora -: ignoranza (mancanza di conoscenza. Però di quella vera, non di quella costruita sui social), egoismo e mancanza di senso civico (rivedere il Marchese del grillo: io sono io e voi non siete un ...), irresponsabilità (si pensa sempre e solo a quello che la società può fare per noi e non a quello che noi possiamo fare per la società). E se va male? Non ce lo possiamo permettere (morti, scuola, economia, lavoro, libertà). Dobbiamo partire dalla nostra piccola Comunità, e ciascuno deve fare il suo dovere, quello che può per evitare che vada male. Se ognuno fosse finalmente convinto di questo, allora potremmo essere fiduciosi per il nostro futuro, Covid o qualunque altra cosa succeda».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA