Impossibile mantenere le distanze: si fermano i pescherecci. Tranne che a Porto San Giorgio

Mercoledì 25 Marzo 2020
Impossibile mantenere le distanze: si fermano i pescherecci. Tranne che a Porto San Giorgio

CIVITANOVA - La produzione ittica fa parte delle attività essenziali, come da decreto del presidente del Consiglio. Dunque, in teoria, i pescherecci potrebbero prendere il largo e gettare le reti. Ma nelle Marche, a parte le rarissime eccezioni di Porto San Giorgio (4/5 scafi) le imbarcazioni sono tutte in porto. Pesca bloccata per decisione delle stesse marinerie. 

LEGGI ANCHE:
Coronavirus: l'ospedale sarà sulla nave. Oggi il progetto, servono 12 milioni

Coronavirus, altri 32 morti in un giorno nelle Marche, tra cui uno di 37 anni. Accertati però altri 21 decessi: il totale sale a 283

Due gli ordini di motivi: la sicurezza e il rispetto delle normative anticontagio da Coronavirus in materia di distanza che, secondo tutti i pescatori, è impossibile da rispettare nella vita di bordo; il crollo del prezzo del pesce che, come accaduto nell’ultima settimana di pesca (blocco avvenuto venerdì 13, oltre 10 giorni fa), non è riuscito a ripagare le spese. Marinerie compatte nella decisione, da Pesaro a San Benedetto. Come detto, unica eccezione Porto San Giorgio, situazione che rischia minare il fronte. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA