Arrivato da Parma sabato senza dire nulla e pizzeria aperta fino a tardi: due denunciati per il Coronavirus

Mercoledì 11 Marzo 2020
Civitanova, arrivato da Parma sabato senza dire nulla e pizzeria aperta fino a tardi: due denunciati per il Coronavirus

MACERATA - Prime due denunce da parte dei carabinieri del maceratese per due stranieri sorpresi a non rispettare le norme recentemente emanate per combattere il contagio da Coronavirus.

LEGGI ANCHE:
Il governatore Ceriscioli: «Stiamo andando verso il raddoppio dei casi, ma insieme ce la faremo»

L'allarme Coronavirus non molla la presa: 85 nuovi contagiati nelle Marche, il totale è 479/ La mappa del contagio in tempo reale


Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Mogliano hanno denunciato un 49enne dello Sri Lanka, residente in provincia di Parma, controllato a Petriolo in via Sant’Antonio dove si trovava senza alcuna valida giustificazione.
Lo stesso riferiva di essere giunto in zona lo scorso 8 marzo e di non aver adottato alcuna forma di cautela, senza peraltro informare del proprio movimento l’autorità sanitaria di zona. E' stato denunciato.  
I Carabinieri di Civitanova, invece, hanno deferito alla Procura della Repubblica di Macerata un trentanovenne bangladese titolare di una pizzeria: l’uomo aveva protratto l’orario di apertura al pubblico oltre il limite consentito, fissato dalla norma alle ore 18, restando aperto invece fino alle ore 20 quando è stato controllato e sanzionato.
 Ovviamente, è stato interessato il Sindaco di Civitanova Marche per l’attivazione della procedura amministrativa per la sospensione dell’attività, stringente misura prevista dal decreto per la necessaria tutela della collettività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA