Marijuana in auto e a casa, tentano la fuga dalla Finanza: fidanzatini denunciati anche per il decreto Covid

Mercoledì 18 Marzo 2020
Marijuana in auto e a casa, tentano la fuga dalla Finanza: fidanzatini denunciati anche per il decreto Covid

CIVITANOVA - Girano in auto con la droga, ma incappano in un controllo stradale per il Covid-19, quando abbassano il finestrino, dall’abitacolo esce odore di marijuana. Un 27enne civitanovese finisce in manette per spaccio, sia lui sia la fidanzata vengono denunciati per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

LEGGI ANCHE:
Altri 15 pazienti guariti dal Coronavirus dimessi nelle Marche, ma sono più di 4mila le persone in isolamento

Coronavirus nelle Marche, balzo dei nuovi contagiati: sono 196, il totale si impenna fino a 1.567/La mappa del contagio in tempo reale

È accaduto ieri pomeriggio. A Montecosaro lungo la strada provinciale una pattuglia del Nucleo mobile della Guardia di finanza di Civitanova era impegnata nei controlli, verso le 16 i militari hanno imposto l’alt a una Fiat 500. A bordo c’erano due giovani, un 27enne di Civitanova che era alla guida e una 19enne di Potenza Picena. Il tempo di chiedere i documenti e appurare che entrambi avevano violato le norme imposte dai decreti per il Coronavirus (erano in un altro comune né per esigenze lavorative, né per motivi di salute, né per necessità) che a un finanziere è parso di sentire un inconfondibile odore di marijuana provenire dall’auto. E' bastato che il 27enne aprisse lo sportello che un militare ha notato un involucro di sostanza verde nel portaoggetti. A quel punto sono risaliti in macchina e sono scappati. I militari li hanno inseguiti a lampeggianti e sirene accesi e nel frattempo hanno allertato anche i colleghi, l’inseguimento è durato circa due chilometri in direzione di Civitanova poi i fuggitivi sono stati fermati. In garage all’interno di un treno di pneumatici, il 27enne aveva nascosto altri 136 grammi di marijuana, insieme a cellophane e a un bilancino di precisione. Entrambi sono stati denunciati per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, lui anche per resistenza a pubblico ufficiale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA