Restrizioni Covid, arrivano le microcamere addosso ai vigili: «Filmeremo chi trasgredisce»

Lunedì 11 Maggio 2020 di Raffaella D'Adderio
Civitanova, restrizioni Covid, arrivano le microcamere addosso ai vigili: «Filmeremo chi trasgredisce»

CIVITANOVA - Sono i più giovani a trasgredire i divieti anti-Covid nel primo weekend della fase 2. I ragazzi prendono d’assalto parchi e piste ciclabili dove creano assembramenti e inveiscono contro gli agenti della Municipale che li riportano all’ordine. Per il resto, si è trattato di un weekend anomalo con presenze inferiori al resto della settimana e in cui nessuno è stato sanzionato per aver trasgredito ai divieti. L’assessore alla sicurezza di Civitanova Giuseppe Cognigni si ritiene soddisfatto del buon segnale che arriva dalla gente, ma al contempo, annuncia un rinforzo degli strumenti di controllo da adottare nelle zone più a rischio.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, solo 10 contagiati nelle Marche: è il dato più basso da febbraio. Positivo un tampone su cento

Attesa dopo lo stop al plasma, c’è il rischio di fughe al Nord. Ma la Regione resta ottimista

«Ho chiesto alla comandante Cammertoni - dichiara Cognigni - che gli agenti della polizia locale siano provvisti di microtelecamere da applicare alle giacche della divisa. Si tratta di dispositivi certificati solitamente in dotazione alle forze dell’ordine e simili ad una macchina fotografica».
 
«Per ora ne acquisteremo un paio da fornire la pattuglia di vigili che si occupa delle verifiche all’interno delle piste ciclabili e delle aree verdi. Ieri (sabato) - racconta - un gruppo di ragazzi ha trasgredito alle regole del distanziamento sociale e al divieto di giocare all’interno dei parchi in zona San Gabriele. Oggi un gruppo di 6 adolescenti era seduto su una panchina all’interno della pista ciclabile del Castellaro e, al monito degli agenti della Municipale di distanziarsi e non sostare, ha reagito in modo molto acceso. Le microtelecamere serviranno proprio a filmare questi episodi a cui seguirà una denuncia». 
Gli assembramenti
Altri raggruppamenti di 6-10 persone sono stati segnalati alla polizia locale dai carabinieri dell’Anc. Nel parco James Cook di Fontespina è stato notato un assembramento di ragazzi, con età compresa tra i 16 e i 18 anni che, alla vista dei carabinieri in congedo, se la sono data a gambe. Stessa scena nell’area verde sita accanto alla bocciofila sempre a Fontespina». «Anche da parte di chi trasgredisce le regole - sostiene la comandante della polizia locale Daniela Cammertoni - arriva il chiaro segnale che c’è una consapevolezza dei comportamenti da tenere anche se qualcuno, specie tra i più giovani, tenta di sfuggire ai diktat. I nostri agenti hanno battuto le spiagge, le piste ciclabili, i parchi e non hanno rilevato comportamenti in contrasto con le norme anti-Covid. Anche laddove siamo intervenuti per dissuadere delle soste in spiaggia, non c’è stata alcuna resistenza. Questo weekend va in controtendenza rispetto al boom di presenze registrato durante i giorni feriali. C’erano persone, ma non quante ci si aspettava. Dai visitatori della spiaggia è stata molto apprezzata la presenza dei nostri agenti. Certamente per noi ha un valore aggiunto anche l’uso del quad, acquistato in tempi non sospetti con l’obiettivo di contrastare l’abusivismo in spiaggia, ma che ora è più che mai utile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA