Troppi contagi Covid, il sindaco chiude tutte le scuole fino al 6 marzo

Giovedì 25 Febbraio 2021 di Leonardo Massacesi
Cingoli, troppi contagi Covid, il sindaco chiude tutte le scuole fino al 6 marzo

CINGOLI Chiuse temporaneamente tutte le scuole di ogni ordine e grado in attività sul territorio comunale da oggi, 25 febbraio, al 6 marzo. L’ordinanza è stata firmata ieri pomeriggio dal sindaco Michele Vittori dopo l’impennata degli ultimi giorni dei positivi (da 44 sono passati a 48 casi) e delle persone in quarantena (da 82 a 103). 

 

I disagi

«Sono perfettamente consapevole dei disagi che tale decisione comporta per i ragazzi e per le rispettive famiglie – ha dichiarato il primo cittadino preoccupato della situazione – ma a distanza di un anno ormai dovremmo avere tutti chiaro il concetto della prevenzione. Faccio quindi appello a tutta la comunità chiedendo di comprendere la necessità di queste misure, al fine di evitare problematiche più gravi per tutta la popolazione. Occorre continuare a rispettare le regole attualmente in vigore». La decisione era nell’aria dopo l’impennata che si è verificata negli ultimi giorni inerente sia ai contagi da Covid-19 che ai cittadini costretti all’isolamento domiciliare. Sarebbero state le scuole a determinare questo balzo che ha messo in allarme l’amministrazione comunale che ieri si è tenuta in contatto con i dirigenti scolastici dell’Alberghiero “Varnelli” e dell’Istituto Comprensivo “Mestica”. Una situazione divenuta con il passar dei giorni assai problematica e che ha coinvolto intere famiglie. Dicevamo delle scuole. Fino a ieri le classi in quarantena erano ben otto, così distribuite: una alla Materna, tre alle Elementari, tre alle Medie, una all’Alberghiero. Di queste una delle Medie dovrebbe finire il periodo di quarantena domenica prossima, mentre quella dell’Istituto Alberghiero oggi terminerà il periodo di quarantena. Già le scuole (dove è possibile) si stanno organizzando per la didattica a distanza, ma per quanto riguarda le superiori, quali l’Alberghiero e il Liceo sicuramente si prospetta l’allungamento dell’anno scolastico. Ma nel contesto generale preoccupa anche il caso di una donna cingolana 73 enne che alcuni mesi fa aveva avuto già il Covid, una volta guarita è tornata a casa. 

La storia

Ha ripreso la sua vita regolare. Anche se riprendersi è stato molto dura. L’altro giorno è scivolata in casa finendo sul pavimento riportando alcune forti contusioni: trasportata al Pronto Soccorso di Macerata, qui è risultata positiva ancora al Coronavirus. E’ stata trasportata all’ospedale di Pesaro. Il fatto conferma come questa epidemia è molto complessa e che non è certo che le persone che guariscono da Covid-19 possono beneficiare di una protezione dal virus per almeno sei mesi, ma anche di più. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA