Furibonda zuffa tra giovani marocchini sul lungomare: uno resta ferito e finisce all’ospedale

Martedì 27 Luglio 2021 di Chiara Marinelli
Furibonda lite tra giovani marocchini sul lungomare: uno resta ferito e finisce all ospedale

CIVITANOVA  - Ancora un episodio di violenza nella notte, sul lungomare civitanovese. Giovane finisce all’ospedale con diverse ferite da arma da taglio. A dare l’allarme alcuni passanti che lo hanno visto camminare, insanguinato, sul lungomare Sud. È caccia al giovane uomo che era insieme a lui. L’episodio, sul quale sono in corso accertamenti da parte degli agenti del commissariato di polizia, è avvenuto l’altra notte. 

 


Secondo quanto è stato ricostruito, i protagonisti sono stati due giovani marocchini, che erano stati visti passeggiare insieme sul lungomare. Ad un certo punto (non è escluso che ad accendere la miccia sia stato qualche bicchiere di troppo) i due hanno cominciato a litigare violentemente tra di loro. Ne è scaturita una colluttazione. Ad avere la peggio è stato il marocchino di 22 anni, residente a Treia. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi e le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti polizia, carabinieri e una ambulanza della Croce Verde.

Quando i soccorritori sono arrivati sul posto il ventiduenne si trovava dalla parte del marciapiede opposta al mare. Aveva una ferita da taglio seria sull’avambraccio, un’altra sul polpaccio e una serie di escoriazioni addosso, su tutto il corpo. È stato caricato a bordo dell’ambulanza e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova Alta per le medicazioni e gli accertamenti del caso. Ora è caccia al marocchino che era con lui.

La vittima dell’aggressione non ha voluto rivelare il nome del connazionale che era insieme a lui, dicendo alle forze dell’ordine di conoscerlo a malapena. Le indagini per fare luce sulla vicenda sono in corso, fatto sta che è l’ennesimo episodio di sangue che si è consumato sul lungomare nel fine settimana. Nella notte tra sabato e domenica una giovane donna, una venticinquenne dell’Est Europa, era stata trascinata per i capelli e picchiata dal fidanzato, un uomo di 40 anni, dopo che lei si era rifiutata di trascorrere una serata hot a tre.

Nella stessa notte un ucraino di 30 anni era stato portato all’ospedale con una serie di ferite dopo una rissa in mezzo alla strada, in via Indipendenza. Coinvolti anche un connazionale, che ha rifiutato il trasporto all’ospedale, e una donna.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA