Controlli nei punti nevralgici della città: droga e alcol, cinque persone nei guai

Sabato 14 Maggio 2022
Controlli nei punti nevralgici della città: droga e alcol, cinque persone nei guai

CIVITANOVA - Completata nella tarda serata di giovedì una vasta operazione di controllo del territorio effettuata dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e delle Stazioni carabinieri di Civitanova, Porto Potenza, Montelupone e Porto Recanati nell’ambito della giurisdizione della Compagnia carabinieri di Civitanova.

 

I controlli sono stati effettuati nei punti nevralgici e sulle arterie di maggior transito per la circolazione stradale, specie lungo la costa, e hanno consentito ai militari di individuare quattro conducenti in stato di ebrezza: tre di questi, al momento del controllo, avevano valori di alcolemia che oscillavano tra 1,14 e 1,94 grammi per litro e per questo sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Macerata; uno invece è risultato nel limite di 0,80 grammi per litro. Per lui una sanzione di 543 euro; per tutti, invece, la sospensione della patente.

Sempre nell’ambito dei controlli un quarantottenne di Porto Recanati è stato fermato mentre era alla guida dell’auto ed è stato trovato in possesso di quattro dosi di cocaina (quattro grammi complessivi) e di un bilancino di precisione. Anche per lui è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Una 45enne di origine salentina è stata invece sorpresa mentre girava per le vie del centro civitanovese, nonostante fosse destinataria di foglio di via obbligatorio emesso nei suoi confronti dalla questura di Macerata; un cittadino straniero invece, è stato rintracciato giovedì a Montelupone, da dove invece era stato allontanato con altro foglio di via obbligatorio: entrambi denunciati per inosservanza del provvedimento.

Nel corso del servizio sono state identificate 175 persone, controllati 98 veicoli, accertate 23 violazioni al codice della strada, principalmente per mancato uso delle cinture, uso dei telefoni cellulari, mancata revisione o copertura assicurativa. L’attività di presidio sul territorio garantita dall’Arma dei carabinieri, unita allo sforzo mirato al contrasto del fenomeno dello spaccio di concerto con le altre forze di polizia, continua a garantire risultati concreti e significativi che, insieme alla campagna di informazione e legalità avviata già da tempo nelle scuole della provincia, forniranno contributi alle strategie di intervento. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA