Tenta la rapina al bar: pizzaiolo lo mette in fuga con la pala della pizza. Preso dopo le indagini

Antonio Arca, titolare del bar, con la pala per la pizza con cui aveva messo in fuga il malvivente
Antonio Arca, titolare del bar, con la pala per la pizza con cui aveva messo in fuga il malvivente
di Chiara Marinelli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 05:35

CIVITANOVA - Tentata rapina al bar all’ora di colazione, identificato e denunciato il presunto responsabile dell’episodio. Si tratta di un giovane italiano, già noto alle forze dell’ordine. Incastrato dai vestiti trovati in casa, gli stessi usati la mattina della rapina. L’episodio era avvenuto lo scorso 29 maggio, intorno alle ore 9.30, all’interno del bar pizzeria “La  Rotonda”, che si trova in via Einaudi, nella zona commerciale di Santa Maria Apparente, proprio di fianco al centro commerciale Megauno e alla farmacia.  

La ricostruzione del tentato colpo
A quell’ora in tanti stavano facendo colazione quando l’uomo è entrato nel bar poco prima e senza farsi vedere si sarebbe nascosto nel bagno o nella sala slot, in fondo al locale, in attesa che uscissero tutti i clienti che in quel momento affollavano il bancone per fare colazione. Poi, con il volto travisato, si era diretto verso il bancone, chiedendo soldi. Teneva una mano in tasca, come se avesse un’arma nascosta lì dentro, e alla giovane ha chiesto minacciosamente i soldi che erano in cassa in quel momento. 
A quel punto, viste le urla di aiuto della giovane dipendente che in quel momento era al bancone, era uscito dalla cucina il titolare del bar, Antonio Arca, con una pala per fare la pizza e il malvivente, dopo una colluttazione con il proprietario del locale, si era dato immediatamente alla fuga, a mani vuote. 

La fuga del rapinatore
Era stato visto scappare a bordo di un’auto e il suo tentativo di rapina era parso anche piuttosto maldestro. Anche se quella scena aveva messo in allarme i presenti che in quel momento, di domenica mattina, erano al bar a fare colazione. Sul posto, allertati dal proprietario del bar “La Rotonda”, erano intervenuti immediatamente gli agenti del commissariato di polizia, che avevano avviato subito le indagini per identificare il rapinatore. Grazie ai filmati delle telecamere di videosorveglianza, installate all’interno del locale di via Einaudi, che hanno immortalato minuto per minuto il tentativo di rapina, e alle diverse testimonianze acquisite sul posto, gli agenti del commissariato di polizia sono risaliti al giovane.
Come si diceva, si tratta di un uomo già noto alle forze dell’ordine per reati in materia di stupefacenti. In accordo con la Procura della Repubblica di Macerata, gli agenti hanno eseguito una perquisizione a casa del sospettato, rinvenendo capi di abbigliamento e calzature utilizzati per la tentata rapina. 

Il provvedimento 
Per tale ragione, il giovane è stato, al termine delle formalità di rito, deferito all’autorità giudiziaria in stato di libertà per il reato di tentata rapina. Un’attività investigativa certosina quella condotta dagli agenti del commissariato, guidati dal dirigente Fabio Mazza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA