Civitanova, spacciano appena arrivati:
tre immigrati presi e subito espulsi

Civitanova, spacciano appena arrivati: tre immigrati presi e subito espulsi
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 28 Marzo 2018, 11:06

CIVITANOVA - Pusher clandestini beccati dai carabinieri ed accompagnati fino a Torino dove si trova uno dei centri di permanenza per i rimpatri. Ad agire sono stati i militari della Compagnia di Civitanova.
Galeotto il comportamento di tre magrebini che hanno insospettito i carabinieri. Il trio di stranieri stava passeggiando lungo corso Garibaldi quando, alla vista delle divise, ha cambiato direzione cercando di sfuggire all’incrocio con gli uomini dell’Arma. I tre nordafricani sono stati immediatamente bloccati, quindi identificati ed infine sottoposti a perquisizione fisica. E dalle loro tasche sono venuti fuori alcune dosi di cannabis insieme a contanti. Si tratta di tre tunisini di 30, 24 e 20 anni, recentemente sbarcati in Italia. Avevano con sé alcuni grammi di hashish e marijuana, divisi in dosi, e la somma di 160 euro ritenuta provento di attività di spaccio. Per loro sono partite subito le pratiche per il rimpatrio. Si trovavano sul territorio italiano senza permesso di soggiorno. Allo stato di clandestinità, si è aggiunta poi la denuncia per detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio. Il risultato non poteva che essere l’espulsione con gli incartamenti che venivano avviati dall’Ufficio Immigrazione della Questura di Macerata. Cosa che si è concretizzata in breve tempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA