Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sciarpe e borse con false griffe: nei guai ambulante e il grossista che gli ha venduto la merce contraffatta

Sciarpe e borse con false griffe: nei guai ambulante e il grossista che gli ha venduto la merce contraffatta
Sciarpe e borse con false griffe: nei guai ambulante e il grossista che gli ha venduto la merce contraffatta
di Chiara Marinelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Novembre 2021, 09:50

CIVITANOVA  - Sciarpe e borse griffate Fendi e Louis Vuitton al mercato, ambulante del posto nei guai. Erano capi palesemente contraffatti, sequestrati dalle Fiamme Gialle che nel corso delle indagini sono riusciti a risalire anche al fornitore della merce contraffatta. Maxi sequestro di articoli, stoffe e scampoli che riportavano i loghi delle più importanti case di moda.

Oltre a quelle già citate, c’erano anche Prada, Gucci e Balenciaga, solo per dirne alcuni. Nel corso di una delle quotidiane operazioni di controllo, con l’obiettivo di contrastare ogni genere di traffico illecito, i finanzieri della Compagnia di Civitanova, guidati dal comandante Tiziano Padua, hanno svolto accertamenti, nei pressi del locale mercato settimanale, nei confronti di un venditore ambulante. 


Erano stati esposti alle vendita diversi capi di abbigliamento, tra i quali anche venti articoli, tra sciarpe e borse, che presentavano i marchi Fendi e Louis Vuitton. Hanno richiamato l’attenzione delle Fiamme gialle, che hanno provveduto a svolgere un controllo. Quelle sciarpe e quelle borse erano evidentemente contraffatte, considerato l’approssimativo packaging ma soprattutto il prezzo applicato non coerente a quelli che sono gli standard delle due note griffe e anche la mancata esibizione, da parte dell’ambulante stesso, della documentazione idonea in grado di provare la lecita messa in commercio di quella merce.

Le Fiamme gialle, dunque, hanno così proceduto al sequestro probatorio degli articoli contraffatti. L’ambulante è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Macerata, in quanto ritenuto responsabile dei reati di ricettazione e di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi. Ma le indagini non si sono fermate qui. Gli ulteriori approfondimenti condotti dai militari hanno consentito di risalire al fornitore della merce contraffatta: una ditta con sede a Civitanova, attiva nel commercio di tessuti e stoffe, il cui titolare è stato segnalato all’autorità giudiziaria.

Su delega del sostituto procuratore Enrico Riccioni i finanzieri hanno effettuato una perquisizione locale, rinvenendo e sottoponendo a sequestro 419 rotoli di tessuti (per una lunghezza di oltre 3 mila metri lineari), scampoli e articoli di moda. Riportavano tutti 26 differenti marchi contraffatti, tra cui Louis Vuitton, Versace, Lacoste, Balenciaga, Fendi, Gucci, Prada, Ferrari, Philip Plein, Pinko e Levi’s. Sarebbero stati utilizzati per la realizzazione di borse, sciarpe ed abiti. Anche il grossista è stato denunciato per i reati di ricettazione e di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi. Ulteriori accertamenti verranno svolti sotto il profilo fiscale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA