Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicidio Civitanova: tre minuti per uccidere Rached. La Procura vuole approfondire la posizione dell’amico dell’aggressore

Omicidio Civitanova: tre minuti per uccidere Rached. La Procura vuole approfondire la posizione dell amico dell aggressore
Omicidio Civitanova: tre minuti per uccidere Rached. La Procura vuole approfondire la posizione dell’amico dell’aggressore
di Daniel Fermanelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 01:35

CIVITANOVA - Tre minuti. Tanto c’è voluto per uccidere Rached Amri, il 30enne accoltellato a morte martedì sera nel parco Palatucci, in via Massimo D’Azeglio, sul lungomare Sud di Civitanova.  Secondo le indagini della Procura ad uccidere il giovane tunisino è stato Saidi Haithem, cugino della vittima, che mercoledì scorso, dopo essere stato rintracciato da carabinieri e polizia, ha ammesso il fatto. Stando alla ricostruzione degli inquirenti, i cugini si erano ritrovati nel parco insieme ad altri due connazionali: uno amico di Rached e l’altro di Haithem. Una scena ricostruita grazie alle telecamere di videosorveglianza del Comune che, sebbene non abbiano ripreso l’aggressione, testimoniano l’arrivo dei quattro. Da quando si recano sul posto alle immagini che riprendono Haithem fuggire insieme al suo amico, non passano più di tre minuti. Al vaglio, quindi, anche la posizione dell’amico dell’arrestato, ma per il momento non gli sarebbe contestato alcun reato. 

La droga
 

L’incontro tra i giovani sarebbe legato a questioni di droga. Gli inquirenti che hanno perquisito l’abitazione di Porto Sant’Elpidio dove è stato ritrovato il 26enne, infatti, hanno rinvenuto anche 28 dosi di eroina. Pare che il movente sia legato a un debito che Rached aveva nei confronti del cugino. Questo potrebbe aver fatto nascere la lite tra i due fino a che Haithem non ha tirato fuori un coltello da cucina, dalla lama di circa 15 centimetri (poi ritrovato nel parco giochi dell’aggressione) con cui ha colpito il 30enne all’emitorace sinistro. Haithem è fuggito insieme al suo amico, come testimoniano anche le telecamere di videosorveglianza. Rached, invece, che non è morto subito, è rimasto con il suo compagno. È stato lui a chiedere aiuto ad un automobilista che passava in zona e che ha accompagnato il ferito in ospedale. Scene, anche queste, riprese dalla videosorveglianza. Il giovane muore poco dopo al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova, dove i sanitari non hanno potuto fare niente per salvargli la vita.

I filmati
 

Fondamentali, per gli inquirenti, sono stati i filmati delle telecamere incrociati con i dati delle celle telefoniche che in quel momento agganciavano la zona del delitto. Così sono giunti nel casolare di Porto Sant’Elpidio dove hanno trovato il 26enne nascosto sotto un balcone. In quella casa vittima e assassino vivevano insieme: entrambi clandestini, anche se Hiathem stava cercando di ottenere il permesso di soggiorno. Pare che i due portassero avanti l’attività di spaccio lungo la costa, tra le province di Fermo e Macerata. Il 26enne si trova ora nel carcere di Fermo. Dal momento che l’arresto è avvenuto a Porto Sant’Elpidio, sarà il Tribunale di Fermo ad occuparsi del caso: non è ancora stata fissata la data di convalida del fermo anche se non è escluso che possa tenersi domani. Nessuna data, al momento, nemmeno per l’autopsia sul corpo della vittima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA