Movida violenta, due giovani aggrediti dal branco sul lungomare Piermanni

Il pronto soccorso di Civitanova dove sono stati portati i giovani feriti
Il pronto soccorso di Civitanova dove sono stati portati i giovani feriti
di Daniel Fermanelli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Luglio 2022, 04:10

CIVITANOVA - Una notte di violenza. Un’aggressione lampo, i cui contorni debbono ancora essere chiariti. Durante la movida, due giovani civitanovesi sono stati picchiati da un gruppo di coetanei davanti a uno stabilimento balneare del lungomare Sergio Piermanni. 

 
 
Erano circa le 2 della notte tra sabato e domenica quando i due civitanovesi, di 23 e 24 anni, sono stati picchiati dal branco sul litorale sud della città. Calci e pugni, un vero e proprio raid. Immediatamente è stato dato l’allarme e sul posto sono intervenuti gli operatori dell’emergenza sanitaria del 118 e i carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Civitanova. L’arrivo dei militari dell’Arma è stato tempestivo, ma i responsabili dell’aggressione - che dovrebbe essere 7 - si erano già dileguati ed è stato impossibile identificarli. 

Le vittime sono state portate in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale cittadino, dove sono state sottoposte alle cure del caso. Fortunatamente le loro condizioni non sono gravi e se la sono cavata con una prognosi di pochi giorni. Ma quanto accaduto è preoccupante, anche perché non si conoscono i motivi dell’accaduto. Una violenza apparentemente immotivata.

I due giovani feriti non sono riusciti a fornire molti elementi utili a risalire ai componenti del gruppo. I militari dell’Arma del Radiomobile, insieme ai colleghi del Nucleo operativo, hanno avviato le indagini, raccogliendo diverse testimonianze. Come da prassi in questi casi sono stati visionati anche i filmati delle telecamere di videosorveglianza, con la speranza di ottenere elementi utili a ricostruire l’accaduto e rintracciare i responsabili.

I carabinieri della Compagnia di Civitanova, anche nello scorso weekend, sono stati in prima linea sul fronte dell’attività di controllo del territorio, con particolare attenzione proprio ai luoghi della movida maggiormente frequentati dai giovani, sia a Civitanova che a Porto Recanati. Effettuati pure posti di blocco lungo le strade finalizzati alla prevenzione degli incidenti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA