La moglie chiama i carabinieri, il marito aggredisce un militare: in manette un 36enne albanese

La moglie chiama i carabinieri, il marito aggredisce un militare: in manette un 36enne albanese
La moglie chiama i carabinieri, il marito aggredisce un militare: in manette un 36enne albanese
2 Minuti di Lettura
Sabato 6 Novembre 2021, 06:40

CIVITANOVA - La moglie chiama i carabinieri, il marito li aggredisce, in manette un albanese di 36 anni. È accaduto giovedì scorso. Una pattuglia del Radiomobile della Compagnia di Civitanova era intervenuta a seguito della richiesta di una donna albanese.

Quando sono arrivati i militari hanno chiesto al marito un documento di riconoscimento e la patente ricevendo per tutta risposta un: «Non stavo guidando, che volete da me, la patente non ve la do. È meglio per voi che chiamiate i rinforzi». I militari hanno proceduto alla perquisizione personale dell’uomo e il 36enne ha reagito spintonandoli, poi quando un militare aveva cercato di bloccarlo lui gli aveva afferrato il polso e glielo aveva torto. Condotto in caserma l’albanese si sarebbe rivolto a un altro militare e lo avrebbe minacciato: «Comunque vada te la faccio pagare cara, se perdo il lavoro ammazzo qualcuno».

È finito in manette per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni e denunciato per rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale. Il militare aggredito infatti è stato costretto a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso che gli hanno riscontrato un lieve edema con piccole escoriazioni da trauma contusivo distorsivo alla mano (cinque giorni di prognosi). Ieri l’albanese è stato condotto in Tribunale per il giudizio direttissimo davanti al giudice Francesca Preziosi e al pubblico ministero Stefano Lanari. Il giudice ha convalidato l’arresto e disposto i domiciliari con il permesso di andare al lavoro. Il 36enne è difeso dall’avvocato Marco Romagnoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA