Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Civitanova, minaccia di buttarsi
dal balcone, giovane soccorso

Civitanova, minaccia di buttarsi dal balcone, giovane soccorso
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 4 Settembre 2019, 07:05 - Ultimo aggiornamento: 10:07
CIVITANOVA - Minaccia di buttarsi dal balcone, soccorso un giovane uomo. Momenti di allarme nella tarda mattinata di ieri nel quartiere di San Marone. Nell’abitazione dell’uomo, un civitanovese, sono arrivati a sirene spiegati i mezzi dell’emergenza sanitaria del 118, i vigili del fuoco e la polizia. È successo, come si diceva, nella tarda mattinata di ieri quando un ragazzo ha chiamato i numeri dell’emergenza dicendo di volersi ammazzare. Preso da un momento di sconforto, ha afferrato il telefono e ha chiamato i soccorsi, annunciando di volerla fare finita. Immediatamente, considerata la gravità della situazione e visti i propositi dell’uomo, si è messa in moto la macchina dei soccorsi. L’uomo, secondo quanto è stato ricostruito in un primo momento, aveva la residenza in centro, in una casa nel cuore del borgo marinaro. Ma quando i vigili del fuoco sono arrivati sul posto di lui non c’era traccia. Non abitava più lì, infatti. E, poco dopo, l’uomo è stato rintracciato in una abitazione nel quartiere di San Marone, dove vivono i suoi genitori. I mezzi di soccorso sono confluiti lì a sirene spiegate. L’uomo è stato raggiunto e, a quel punto, è stato preso in cura dal personale medico e sanitario del 118, che lo ha fatto ragionare. Sono riusciti a fargli cambiare idea. Fortunatamente, dunque, l’allarme è rientrato nel giro di pochi minuti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA