La portano a casa con la minaccia di un coltello e abusano di lei, in due accusati di violenza sessuale di gruppo

Il tribunale di Macerata
Il tribunale di Macerata
di Benedetta Lombo
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Febbraio 2022, 02:20 - Ultimo aggiornamento: 15:22

CIVITANOVA - La portano a casa, poi con la minaccia di un coltello, abusano di lei. Sono accusati di violenza sessuale di gruppo due tunisini di 21 e 26 anni, all’epoca dei fatti dimoranti a Civitanova e attualmente irreperibili.
Ieri si sarebbe dovuta celebrare l’udienza preliminare a loro carico davanti al gup Domenico Potetti e al pubblico ministero Enrico Barbieri, ma a causa della irreperibilità degli imputati è stata disposta la sospensione del procedimento e l’udienza è stata rinviata al primo marzo del 2023.

Non può vedere l'amante durante il lockdown, la porta a casa davanti alla moglie (che la conosce): condannato per maltrattamenti

I fatti contestati invece sarebbero avvenuti il 20 ottobre del 2019. Secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini preliminari quel giorno i due tunisini di 21 e 26 anni, sarebbero andati nella loro abitazione insieme ad una ragazza dominicana che all’epoca risiedeva in un comune fuori provincia. Una volta in casa però i due si sarebbero chiusi a chiave in una stanza con la giovane e lì l’avrebbero costretta a subire atti sessuali. Con la minaccia che le avrebbero fatto del male e impugnando un coltello l’avrebbero costretta a subire toccamenti e palpeggiamenti poi il 26enne l’avrebbe immobilizzata sul letto e costretta ad avere più rapporti sessuali completi.

Una volta fuori da quella casa la giovane aveva denunciato l’accaduto e la vicenda finì all’attenzione del pubblico ministero Stefania Ciccioli. Il sostituto procuratore dispose ulteriori indagini per ricostruire con esattezza l’accaduto e individuare gli autori delle violenze. Le indagini portarono all’individuazione dei due tunisini quali presunti autori degli abusi e alla contestazione del reato di violenza sessuale di gruppo. Difesi d’ufficio dall’avvocato Simone Santoro, ieri dunque l’udienza preliminare è stata rinviata per consentire nuove ricerche dei due imputati. La prossima udienza è stata fissata a marzo del prossimo anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA