Dal Comune un sì parziale agli operatori balneari all’ampliamento delle concessioni di spiaggia

Gli ombrelloni sulla spiaggia civitanovese
Gli ombrelloni sulla spiaggia civitanovese
di Emanuele Pagnanini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Giugno 2021, 11:05

CIVITANOVA - Accolte, anche se la maggior parte in modo parziale, le richieste di ampliamento delle spiagge in concessione da parte dei titolari di stabilimenti balneari. Undici sono gli ampliamenti su spiagge libere chiesti da altrettanti chalet, tutte sul lungomare nord.

 

Si tratta di una possibilità offerta dalle linee guide regionali, già previste l’anno scorso e quest’anno riproposte con alcune modifiche. In pratica, stante le limitazioni imposte agli stabilimenti balneari per contenere il contagio da Covid, solo per la stagione in corso, i Comuni «possono valutare l’assegnazione temporanea di fasce di spiaggia libera ai concessionari». 

Il limite massimo è di 12 metri lineari di spiaggia libera per ogni concessione balneare confinante. Possibilità che è in deroga a ogni piano spiaggia. Il Comune è l’ente deputato a decidere se assegnare o no tali ampliamenti, e in che misura. Occupazioni temporanee per dare modo ai balneari di recuperare spazio per ombrelloni e lettini. L’area massima occupata da un ombrellone è fissata in 10mq e la distanza minima tra una sdraio o un lettino e l’altro è di un metro. Ma non è qui che i balneari perdono la maggior parte della spiaggia. Il problema sono ritenute le limitazioni all’attività di ristorazione e bar, con tavoli distanziati e all’aperto per i quali sono state utilizzate pedane e dehors (altra possibilità offerta per l’emergenza) sull’arenile. Sono stati 11 i concessionari di spiaggia a chiedere un pezzo di spiaggia libera, tutti sul tratto a nord del porto. 

Sul lungomare sud, invece, le concessioni sono molto più ampie e gli chalet più distanti l’uno dall’altro, per cui non ci sono problemi di spazio. Delle 11 richieste, 9 sono state accolte in parte, con piccole riduzioni rispetto a quanto richiesto. Questo perché la giunta ha ritenuto di «non poter concedere tutte le spiagge libere con fronte inferiore a 15 metri che hanno accesso diretto dal marciapiede» e che per quelle «con fronte superiore ai 15 metri tra i fossi Maranello e Caronte sia stabilita una percentuale minima da mantenere aperta ai cittadini pari al 50%». 

Questi gli ampliamenti accolti: Aloha, 10 metri spiaggia libera a nord, 428,5 mq; Dal Veneziano fonte mare medio 3,75 metri a sud, 434,59 mq; La Bussola, 5 m a sud, 360 mq; San Marco, 10 m a nord, 870 mq; Luigi XIV Re Sole, 10 m a nord, 630 mq; Bagni Galliano, 4 m a sud, 254,40 mq; La Contessa, 3,75 m a nord, 434,59 mq; Filippo, 5 m a sud e 5 m a nord, 575 mq; Ippocampo, 8 m a nord, 520 mq; Golden Beach, 10 m a sud, 680 mq; G7, 6 m a sud e 5 m a nord, 969,6 mq. Totale, concessi 6.158 mq di spiaggia libera a 11 concessioni, media 560 mq, tutte ben al di sotto del limite massimo concesso dalla Regione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA