Civitanova, banda del buco scatenata
Rubati pellami pregiati: bottino 100mila euro

Banda del buco scatenata
Rubati pellami pregiati,
il bottino è di 100mila euro
CIVITANOVA - Ammonta a oltre cento mila euro il bottino di un colpo messo a segno da una banda di ladri professionisti, intenditori di pellami pregiati rigorosamente neri. Maxi furto, l’altra notte, nel deposito A.M. Pelle in Stock, uno dei tanti capannoni nella zona industriale di Santa Maria Apparente, ubicato in via Borioni. A Rapagnano, nel Fermano, colpo fotocopia: nel mirino anche in quel caso sono finiti pellami pregiati.
I malviventi, una banda di professionisti, si sono messi in azione in un’ora imprecisata dell’altra notte. «Sapevano cosa facevano – ha detto Antonio Mazzola, proprietario dell’azienda di pellami e originario di Napoli –. Hanno prima staccato i fili esterni, quelli lungo la strada, poi hanno messo fuori uso il sistema di allarme e di videosorveglianza installati all’interno. Avevamo i migliori impianti, abbiamo cercato di proteggerci anche se non è servito. Siamo qui da tre anni e facciamo avanti e indietro tra Civitanova e Napoli. A Napoli non è mai successa una cosa del genere». Secondo quando è stato ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Civitanova, che indagano sul maxi furto di pellami, i malviventi sono entrati nel deposito forzando la porta di un magazzino che dà sul retro. Poi, armati di mazze, hanno bucato una parete di cartongesso che separa i vari box e hanno fatto irruzione in quello di pellami.
«Hanno fatto entrare qui dentro un furgone, dopo aver aperto la porta di ingresso principale – ha spiegato Antonio Mazzola –. La teniamo chiusa con una sbarra e addossiamo anche i bancali. Ma erano dei professionisti e sono entrati da dietro e non da davanti». Una volta dentro hanno fatto razzia di pellami, scegliendo bene cosa prendere e cosa, invece, lasciare nel magazzino. Poi sono scappati, facendo perdere le loro tracce. «Hanno rubato soltanto i pellami neri – ha continuato la vittima del maxi furto –. I pezzi, cioè, più pregiati, che valgono di più e che si vendono meglio. Quelli colorati, invece, non li hanno toccati. Hanno portato via mezzo magazzino, qui prima era tutto pieno. Il bottino è di oltre cento mila euro, ma stiamo ancora valutando». Sulla vicenda, come si diceva, indagano i carabinieri della Compagnia civitanovese, che sono stati allertati nella prima mattinata di ieri dai proprietari. Sono stati proprio loro infatti, andando ad aprire il loro deposito, a fare l’amara scoperta. Le indagini dei militari, però, non potranno avvalersi dei filmati delle telecamere di videosorveglianza: come si diceva, li hanno presi e portati via la banda di ladri.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Gennaio 2018, 10:29 - Ultimo aggiornamento: 13-01-2018 10:29

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO