Discussione tra coinquiline, poi la lite. Una donna finisce al pronto soccorso

Sabato 13 Marzo 2021 di Chiara Marinelli
Il pronto soccorso dell'ospedale di Civitanova

CIVITANOVA - Una discussione in casa tra coinquiline degenera in una aggressione in cui una delle tre donne coinvolte riporta la peggio e finisce all’ospedale dopo aver preso un colpo alla testa. La ferita aveva il volto insanguinato per via di una brutta ferita da taglio sulla fronte e ora sono in corso le indagini da parte dei carabinieri per chiarire cosa sia successo e chi, eventualmente, abbia delle responsabilità. L’episodio in questione è avvenuto nel primo pomeriggio di ieri, all’interno di un appartamento in via Mameli, in pieno centro dunque. 

LEGGI ANCHE

Un morto e due intossicati gravi per il monossido di carbonio, tragedia all'ora di cena

 

 

Erano circa le ore 15 quando è scattato l’allarme. Secondo quanto è stato ricostruito, tre donne di origini straniere, che vivono insieme nell’appartamento, avrebbero cominciato a litigare tra di loro. I motivi di quanto accaduto, sfociato poi in una vera e propria aggressione, sono in corso di accertamento. Fatto sta che, ad un certo punto, la lite si è fatta sempre più accesa e due donne avrebbero aggredito la terza, una quarantenne di origine marocchina.

Proprio per soccorrere lei, che ha avuto la peggio, sono intervenuti il personale medico e sanitario del 118 e anche i carabinieri della Compagnia di Civitanova, che una volta sul posto hanno fatto rientrare la situazione di tensione. La donna marocchina ferita, dopo le prime cure sul posto, è stata caricata a bordo di una ambulanza ed affidata alla cure mediche del personale sanitario dell’ospedale. Aveva, come si diceva, il volto insanguinato e nel corso della colluttazione con le altre due donne è rimasta ferita alla fronte: un grosso taglio. 

Le altre due straniere, invece, sono state portate in caserma per essere ascoltate dai militari dell’Arma. Le loro testimonianze, insieme ovviamente a quella della donna rimasta ferita che è stata portata al pronto soccorso, serviranno ai carabinieri a chiarire le motivazioni della sfuriata e la dinamica dell’accaduto. Le indagini da parte dei militari dell’Arma, guidati dal capitano Massimo Amicucci, sono in corso per capire le cause che hanno portato alla rissa e che cosa abbia provocato la vistosa ferita alla donna.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA