Aggredita da tre donne in centro, una giovane coppia finisce al pronto soccorso

Il pronto soccorso dell'ospedale di Civitanova
Il pronto soccorso dell'ospedale di Civitanova
di Chiara Marinelli
2 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Maggio 2021, 06:50

CIVITANOVA  - Coppia a passeggio aggredita da tre giovani donne, momenti di tensione e di allarme in centro. L’episodio è avvenuto nel pomeriggio di ieri, intorno alle 17.30, in via Regina Margherita. Due giovani, una romena e un albanese, rispettivamente di 25 e di 26 anni, stavano camminando quando sono stati avvicinati da tre donne. Protagonisti e vittime dell’episodio si conoscono e, a quanto pare, i loro rapporti sarebbero piuttosto tesi.

LEGGI ANCHE:

Fermato un giovane con quasi tre etti di cocaina purissima ancora da tagliare: la droga nel borsello e anche a casa

 

In particolare una delle tre ragazze avrebbe cominciato a discutere animatamente con la romena per questioni economiche, pare dei soldi mai restituiti. A un certo punto la coppia è stata aggredita ed è stato spruzzato addosso a loro lo spray al peperoncino, in particolare sul viso del giovane uomo intervento in difesa della sua ragazza e per calmare gli animi. I due sono stati subito soccorsi dal personale della Croce Verde. Dopo un primo controllo, la coppia è stata caricata a bordo di una ambulanza e trasportata al pronto soccorso dell’ospedale per un accertamento delle loro condizioni. Nulla di grave, comunque. La prognosi, almeno fino alla prima serata di ieri, non era ancora stata resa nota. 

Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia, guidati dal dirigente Fabio Mazza, e i carabinieri della Compagnia di Civitanova, agli ordini del capitano Massimo Amicucci. Su quanto è accaduto sono in corso accertamenti. Da chiarire le cause dell’aggressione, riconducibili come si diceva a vecchie ruggini legate a questione di debiti. I protagonisti della vicenda sono stati sentiti dagli agenti della polizia, chiamati a ricostruire i contorni dell’episodio anche grazie all’aiuto dei filmati delle telecamere di video-sorveglianza installate nella zona. La posizione delle persone coinvolte è al vaglio della polizia.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA