Scrutatori, raffica di rinunce: emergenza in vista del ballottaggio. Una ventina le defezioni, il Comune cerca sostituti

Il Comune di Civitanova
Il Comune di Civitanova
di Emanuele Pagnanini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Giugno 2022, 06:30

CIVITANOVA - Scrutatori cercasi a Civitanova per il ballottaggio. Il Comune è stato costretto a pubblicare un nuovo bando di selezione a causa dell’alto numero di defezioni per domenica 26 giugno. I supplenti, 13 quelli individuati, non bastano a garantire il numero sufficiente di scrutatori ai seggi. Ad oggi, mancano una ventina di scrutatori. Significa che 5 seggi su 40 sono completamente scoperti. Una situazione mai verificatasi in precedenza, quando, anzi, c’erano state aspre polemiche sulle modalità di nomina e diverse proteste di quelli che venivano esclusi.

 
L’iscrizione all’apposito albo degli scrutatori è sempre necessaria ma per partecipare al sorteggio bisogna presentare in Comune apposita domanda. Il 20 maggio scorso, quando si è riunita la commissione elettorale, sono state 176 le domande pervenute nei termini, una fuori scadenza e 4 non accettate perché presentate da chi non era iscritto all’albo. Gli scrutatori necessari sono 164, quattro per ogni seggio più quelli necessari nei due seggi speciali. Visto l’esiguo numero di domande, è stata accettata anche la richiesta presentata oltre la scadenza, quindi 164 effettivi e 13 supplenti. E per il primo turno e per il referendum, tutto bene. Ma poi sono arrivate una ventina di rinunce per il 26 giugno. Quindi sono stati riaperti i termini per le domande: gli elettori già iscritti all’albo possono fare richiesta per svolgere servizio nei giorni del 25-26 giugno. La domanda, firmata dall’interessato unitamente alla copia non autenticata del documento di identità, dovrà pervenire entro e non oltre le 13 del 22 giugno con le seguenti modalità: consegna a mano all’Ufficio Protocollo del Comune dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle 13,00 (tranne il giovedì); martedì e giovedì dalle 15,30 alle 17,30; invio tramite Pec a comune.civitanovamarche@pec.it; invio tramite posta elettronica semplice a protocollo@comune.civitanova.mc.it. Domenica prossima scade, invece, il termine per presentare gli eventuali apparentamenti per il ballottaggio. Eventuali accordi stanno avvenendo tra il silenzio delle parti. E se Fabrizio Ciarapica non è in cerca di accordi a differenza di 5 anni fa, quando la naturale convergenza di Claudio Morresi verso il centrodestra riuscì a far avere un seggio in più alla maggioranza in consiglio comunale, sull’altro fronte Mirella Paglialunga continua nell’appello a tutto l’elettorato.
Questo l’ultimo messaggio social della candidata sindaco del centrosinistra, una risposta a chi l’accusa di essere stata troppo morbida. «Ci sono due opzioni chiare e distinte. Il mio programma chiede trasparenza, legalità, tutela dell’ambiente. Invito tutti a leggerlo. Si oppone al metodo che denuncia Dimitri Papiri (candidato con Paolo Squadroni, ndr) e lo fa con chiarezza. Lo testimoniano i dibattiti pubblici registrati. Mi auguro che le perone oneste e progressiste di Civitanova sappiano farmi pubblicità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA