Incendio nel quartiere di Fontespina, un'Audi a fuoco. Spunta la pista del dolo

Giovedì 21 Ottobre 2021 di Chiara Marinelli
Le operazioni di spegnimento del rogo

CIVITANOVA - Audi in fiamme, l’ipotesi è chi si tratti di un atto doloso. L’allarme è scattato l’altra notte, poco prima delle 2, quando i vigili del fuoco del distaccamento di via Aldo Moro sono stati chiamati e hanno raggiunto via Orsini, all’altezza del civico 63, nel quartiere di Fontespina. 

 

 

A ridosso di un muro in cemento, in un parcheggio residenziale, stava bruciando una Audi A3, alimentata a metano. Il proprietario è un uomo di 72 anni che vive lì. A dare l’allarme è stata una signora, una residente, che si è accorta del trambusto che stava avvenendo sulla strada. Quando i vigili del fuoco sono arrivati sul posto, con l’Aps e l’autobotte, la macchina era completamente avvolta dal fuoco, all’altezza del vano motore e in parte già all’interno dell’abitacolo. Le fiamme, secondo una prima ricostruzione, sarebbero divampate proprio a partire dal vano motore dell’Audi, in modo particolare dal lato del conducente.

Nel giro di pochi minuti, evitando che in questo modo le fiamme si propagassero, i vigili del fuoco hanno domato e spente l’incendio, provvedendo anche alla messa in sicurezza dell’auto e di tutta l’area interessata. Poi, si è proceduto ad accertare la natura delle fiamme. I pompieri sono rimasti in via Orsini fino a quasi del 4 del mattino. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della Compagnia di Civitanova, che seguono le indagini. Sull’auto e nelle vicinanze non sono state trovate tracce di innesco, anche se la pista dolosa è quella più accreditata. La macchina, infatti, secondo quanto ha riferito agli inquirenti il proprietario, era ferma da parecchie ore. Era stata parcheggiata nel pomeriggio, intorno alle 15.30. Appare, dunque, decisamente poco probabile che a scatenare le fiamme sia stato un cortocircuito. 

Le indagini per chiarire i contorni della vicenda sono in corso. I militari dell’Arma stanno verificando la presenza di eventuali telecamere di videosorvaglianza installate nelle vicinanze del luogo dove è avvenuto il rogo dell’Audi che potrebbero avere immortalato elementi utili alle indagini.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA