Corteo per Alika, chiusa la manifestazione: i fiori della moglie Charity. Partecipanti in ginocchio con il pugno alzato

«Giustizia per Alika»: iniziata la manifestazione in ricordo dell'ambulante ucciso per strada da Filippo Ferlazzo
«Giustizia per Alika»: iniziata la manifestazione in ricordo dell'ambulante ucciso per strada da Filippo Ferlazzo
di Chiara Marinelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 6 Agosto 2022, 15:47 - Ultimo aggiornamento: 19:12

CIVITANOVA - «Abbiamo tutti il diritto di essere vivi. Giustizia per Alika»: la scritta in inglese e in italiano campeggia sullo striscione con i colori verdi e bianchi della Nigeria che apre il corteo organizzato per solidarietà alla famiglia di Alika Ogorchuckwu, il 39enne venditore ambulante nigeriano ucciso il 29 luglio in strada da Filippo Ferlazzo. Un aggressione brutale, sotto gli occhi atteriti dei passanti, registrata in un video che ha fatto il giro di Italia scatenando un sentimento comune di condanna e di solidarietà.

 

Il sindaco Ciarapica: «Civitanova città ospitale»

Il corteo, con in testa la moglie di Alika, Charity Oriakhi,  è arrivato nella piazza principale di Civitanova. È partito dallo spiazzo antistante lo stadio con qualche minuti di ritardo con molti rappresentanti della comunità nigeriana locale, regionale ed italiana, più il coordinamento anti-razzista italiano. Presente anche il sindaco di Civitanova, Fabrizio Ciarapica: «La manifestazione unisce tutti un'unica bandiera che è quella della pace - ha detto il sindaco -. Oggi siamo qui per condannare ogni gesto di violenza, questo fatto atroce che c'è stato. Ribadiamo che Civitanova non è una città razzista e tantomeno indifferente o insensibile e il gesto di una persone non può essere accomunato alla nostra comunità che è sempre stata accogliente, ospitale e aperta e ha sempre lavorato per la pace».  La manifestazione che si  è svolta in maniera pacifica, passando da viale Vittorio Veneto fino ad arrivato in piazza. Tanti i civitanovesi, soprattutto giovani, hanno voluto presenziare al corteo. 

L'avvocato della moglie di Alika: «Non è stato un gesto razzista, ma di violenza»

L'avvocato Francesco Mantella, legale della famiglia che oggi ha accompagnato la moglie di Alika, Charity Oriakhi, al corteo di solidarietà, ha voluto sottolineare che «La famiglia Ogorchuckwu non ha mai pensato a un episodio che potesse avere come finalità il gesto razzista,  ma di violenza che come tale va condannato a prescindere da chi lo subisce o da chi lo attua».  Al termine della manifestazione il corteo promosso dalla comunità nigeriana si è diretto lungo corso Umberto I a Civitanova Marche dove alika è stato ucciso: la moglie Charity e due dei sei fratelli della vittima hanno deposto un mazzo di fiori e alcune piantine con messaggi per il venditore ambulante morto il 29 luglio. Nel frattempo i partecipanti del corteo si sono inginocchiati con il pugno alzato alla maniera del "Black Lives Matter"  e  in lungo cartello hanno scritto «Le nostre vite contano, le nostre voci contano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA