Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bivacchi e incuria in un ex cantiere. Fatti sgomberare alcuni stranieri

Polizia e carabinieri
Polizia e carabinieri
di Chiara Marinelli
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 04:30 - Ultimo aggiornamento: 16:32

CIVITANOVA -  Stranieri bivaccano negli spazi di un ex cantiere, blitz di carabinieri e polizia. Sono stati sgomberati e la loro posizione ora è al vaglio delle Autorità competenti. L’intervento  è stato effettuato nella mattinata di ieri, intorno alle ore 10, quando carabinieri e  polizia hanno raggiunto la zona in cui si trova un ex cantiere. Nel corso dell’operazione, sono stati controllati dalle forze dell’ordine tre uomini stranieri che, stando alle prime informazioni, erano soliti dormire lì. 

 
L’area in questione è stata sgomberata ed è stata fatta segnalazione al Comune in modo che si provveda il prima possibile a bonificarla e chiuderla, così che nessun altro possa entrare all’interno della stessa. Come si diceva, la posizione dei tre stranieri è al vaglio degli inquirenti. Non è escluso che possano essere presi provvedimenti nei loro confronti, gli accertamenti da parte delle forze dell’ordine sono in corso. L’operazione di ieri si inserisce nel contesto del rafforzamento dei controlli in città, come previsto al termine della riunione avvenuta l’altro giorno tra il Prefetto Flavio Ferdani, il Questore Vincenzo Trombadore, il comandante provinciale dell'Arma, colonnello Nicola Candido, il comandante della compagnia della Finanza di Civitanova, capitano Tiziano Padua e il sindaco Fabrizio Ciarapica e i vertici locali delle forze dell’ordine. 


Un comitato convocato dopo i recenti fatti di cronaca (i due omicidi avvenuti a distanza di pochi giorni in strada a Civitanova: quello sul lungomare Sud del tunisino Rached Amri, clandestino trentenne e quello dell’ambulante 39enne nigeriano Alika Ogorchukwu avvenuto lungo corso Umberto I), che prevede, tra le altre cose, un inasprimento dei controlli, una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul territorio e l’illuminazione di alcune aree considerate a rischio, tra le quali anche il parco Palatucci sul lungomare Piermanni dove è avvenuto l’accoltellamento mortale del tunisino. In questi giorni, col Ferragosto alle porte, si è intensificata la presenza delle forze dell’ordine in giro per la città per garantire una maggiore sicurezza ai tanti che sceglieranno Civitanova per trascorrere le serate di ferie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA