Cingoli verso l’azzeramento della Tari: la decisione attesa per l’inizio del nuovo anno

Venerdì 31 Dicembre 2021
Cingoli verso l azzeramento della Tari la decisione attesa per l inizio del nuovo anno

CINGOLI  - All’inizio del prossimo anno la giunta guidata dal sindaco Michele Vittori è chiamata ad affrontare una delle questioni più spinose tra gli atti amministrativi da approvare. Si tratta di determinare le aliquote Imu e Irpef , ma in particolar modo quale provvedimento adottare sulla Tari dopo aver ricevuto 3 milioni e 650 mila euro come indennizzo per i 23 mesi di proroga (dal 1 novembre 2021 al 30 settembre 2023) dell’attività della discarica provinciale di Fosso Mabiglia. 

 


Non è stato ancora deciso in merito niente ma si ha la sensazione (sentendo anche le tante voci che circolano in questi giorni) che la Tari venga azzerata, cioè che i cingolani per tutto il 2022 e 9 mesi del 2023 vengano esclusi dal pagamento della tariffa. Dal 2014 (apertura del sito di Cingoli) al 2021 i residenti dell’area interessata rispetto all’intera comunità avevano tariffe diversificate: nel senso che le famiglie più vicine al sito venivano esonerate dal pagamento della Tari, mentre fino ad una certa distanza i nuclei abitativi avevano una riduzione del 50%. Ora si dovrebbe andare all’azzeramento per tutti i nuclei familiari residenti sul territorio comunale. Il condizionale è d’obbligo in questi casi, ma l’attesa tra la popolazione cresce di giorno in giorno.


Poi c’è anche la tassa di soggiorno per i turisti: anche per il 2022 si deciderà di non farla pagare nonostante la stagione turistica 2021 sia stata un’ottima stagione stando alla classifica delle presenze con il Balcone delle Marche al primo posto tra i borghi dell’entroterra e al settimo posto tra le città della provincia maceratese. Dati resi noti dal “Servizio sviluppo e valorizzazione della Regione Marche”. Va detto che dal 2015 al 2021 le aliquote Imu e Irpef sono rimaste sempre uguali, tranne qualche minima oscillazione in più o in meno di una decina di euro. Mentre per la Tari che fino a quest’anno le tariffe erano calcolate sulla base dei metri quadri dell’abitazione e sul numero dei componenti del nucleo familiare, finora ha anche “pesato” l’andamento della raccolta rifiuti, servizio gestito dal Cosmari: rispettare o meno le tipologie dei rifiuti da lasciare avanti alla porta di casa o negli appositi cassonetti influisce sulla tariffa finale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA