Addio a Lattanzi, era stato segretario Uil. Il figlio Giovanni: «Farò di tutto per ricordare il suo messaggio per i giovani»

Lunedì 25 Gennaio 2021 di Monia Orazi
Giulio Lattanzi

CASTELSANTANGELO SUL NERA - Si è spento sabato a Roma Giulio Lattanzi, 83enne tenace residente di Castelsantangelo sul Nera, dove era voluto rimanere dopo il terremoto, battagliero, come era stato nel suo ruolo di segretario provinciale Uil. Aveva militato nell’Anpi e spesso interveniva sulla stampa locale su temi di attualità. Lascia i figli Laura e Giovanni. Di recente si era battuto per riportare a Castelsantangelo i giornali ed i quotidiani, di cui era stata sospesa la distribuzione dopo il terremoto.

 

 

I funerali laici si terranno domani alle 15 nella sala “Amici del Trentino” a Castelsantangelo. Così lo ricorda il figlio Giovanni: «Eccoti babbo hai combattuto perché hai sempre amato la vita, e come hai scritto tu è la natura che decide. Abbiamo fatto una vita insieme con passione e amore, discussione e ragionamento, le tue malattie erano le mie e le mie erano le tue. Il tuo amore per mamma. Ti penso che stai ballando insieme a lei, ti penso sereno con le vostre musiche. Babbo sei stato “dur com el marm” (ho provato a scriverlo en cararin) i carrarini mi correggano. Una promessa la faccio, continuerò a scrivere per il futuro di questo paese, per il futuro delle nostre amate montagne, per castello. Babbo ti voglio un mondo di bene e farò di tutto per ricordare il tuo messaggio per i giovani e per quello che ti stava a cuore, il futuro di questo paese».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA