Avevano ottenuto una Sae anche se vivevano e lavoravano fuori regione

Giovedì 11 Giugno 2020
CAMERINO - Avevano ottenuto una casetta Sae dove abitare dopo il terremoto del 2016, ma da quasi due anni vivevano e lavoravano fuori regione continuando a mantenere il beneficio sulla soluzione abitativa. Denunciata una coppia di 45 e 44 anni. L’indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Camerino. Nei mesi scorsi i militari sono stati impegnati in specifiche indagini di polizia giudiziaria, con servizi organizzati ad hoc per accertare la regolarità delle assegnazioni delle casette Sae, le Soluzioni abitative in emergenza, a Camerino a seguito dell’emergenza sismica dell’ottobre del 2016. 
 
Dai riscontri effettuati dagli uomini dell’Arma è risultato che una coppia, entrambi di nazionalità italiana, di 45 e 44 anni, regolarmente assegnataria di una casetta Sae, è risultata essere stabilmente residente in un’altra regione da circa due anni.  Ultimo aggiornamento: 19:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA