Da Camerino l’appello di suor Viktoriya per la pace: «Putin ascolti la voce della coscienza»

Da Camerino l appello di suor Viktoriya per la pace: «Putin ascolti la voce della coscienza»
Da Camerino l’appello di suor Viktoriya per la pace: «Putin ascolti la voce della coscienza»
di Monia Orazi
3 Minuti di Lettura
Martedì 8 Novembre 2022, 06:50 - Ultimo aggiornamento: 11:28

CAMERINO - Un appello al presidente russo Vladimir Putin affinché cessi la guerra in Ucraina viene dal monastero delle clarisse di Camerino, dove vive suor Chiara Viktoriya Rak, 36 anni originaria di Leopoli in Ucraina, attivissima sul fronte della raccolta di aiuti al suo popolo. 

 

«A Putin dico di ascoltare la voce della propria coscienza - racconta la suora - il soffio del Signore che ogni uomo ha nel cuore. Anche se il male nell’uomo è inevitabile, si può sempre cambiare e fare il bene. Il rispetto della vita umana vale più del potere».

Così la religiosa immagina un ipotetico incontro con Putin, per lanciargli un appello a smettere con la guerra. La suora è ormai da 18 anni in Italia, era arrivata a Falconara per raggiungere la mamma, poi ai tempi dell’università di medicina la vocazione e ormai dal 2014, dopo la professione di fede perpetua è suora di clausura nel monastero di Santa Chiara a Camerino, dove vive insieme alle altre suore. Da quando è scoppiata la guerra in Ucraina si è data molto da fare insieme alle altre consorelle, per trovare aiuti da inviare in Ucraina e pregare per la pace. In Ucraina la suora ha tutta la sua famiglia, il fratello, il padre nella zona al confine con la Russia e tanti altri parenti.

«È improbabile che incontrerò Putin - racconta - ma se questo potesse avvenire non avrei paura di parlargli di rispetto per la vita, di costruire la pace tramite il dialogo. Non si può rispondere al male con un male più grande, dentro ogni uomo c’è un principio di bene magari nascosto in fondo all’anima. Ognuno di noi si può convertire alla pace, cambiare prospettiva, fare una scelta diversa finché è vivo. Nel suo piccolo ognuno di noi può lavorare per la pace e rifiutare la guerra. Nel profondo c’è sempre la voce della coscienza, che si potrebbe attivare in Putin ed aprire gli occhi sulla realtà crudele della guerra. Ognuno può darsi da fare per la pace».

La situazione in Ucraina sta diventando sempre più difficile, la suora riferisce che c’è grande preoccupazione per affrontare l’inverno specie nelle zone dove mancano acqua e corrente. A Camerino continua la raccolta di beni di prima necessità, adesso in prevalenza coperte e capi invernali che si raccolgono presso il monastero di Camerino e che saranno inviati alle persone che ne hanno bisogno in Ucraina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA