Bolognola scalda i motori, Green pass obbligatorio per sciare: «Siamo già al lavoro per dicembre»

Sabato 25 Settembre 2021 di Veronica Bucci
Bolognola scalda i motori, Green pass obbligatorio per sciare: «Siamo già al lavoro per dicembre»

BOLOGNOLA -  «Ci aspettiamo una stagione diversa dallo scorso anno. Le regole sono fissate e noi siamo già al lavoro per l’apertura degli impianti». Così il direttore di Bolognola Ski, Francesco Cangiotti, commenta il protocollo firmato dalla Federazione italiana sport invernali, da Federfuni, Amsi e Colnaz, in vista della stagione sciistica alle porte. Cangiotti annuncia, infatti, l’apertura degli impianti di Bolognola a partire dal prossimo 4 dicembre. 

 


«La stazione è pronta - dice - , lo eravamo lo scorso anno e lo siamo anche adesso. Abbiamo già attivato la biglietteria online dove inizieremo la prevendita degli skipass stagionali dal primo novembre prossimo. Sarà possibile poterli acquistare da casa, evitando la fila. In stazione ci sarà la segnaletica Covid e, diversamente dall’anno scorso, dovremo prevedere delle assunzioni per il controllo del Green pass. Tra le novità in programma - annuncia - un nuovo noleggio, proprio di Bolognola Ski, direttamente sul piazzale, e per il quale si potrà prenotare attraverso il sito internet».

Poi entra nel merito del protocollo che «per la nostra stazione - dice - non comporta grosse ristrettezze: non è prevista la riduzione di portata degli impianti e questo ci faciliterà per evitare che si creino code e assembramenti. Ovviamente è richiesta la mascherina nelle aree dove ci saranno più persone. L’unica cosa che può creare dispendio del personale - precisa - è il controllo del Green pass per l’accesso, ma se questo significa non chiudere la stazione è positivo. Siamo contenti - aggiunge - che il protocollo sia stato condiviso dal ministro e che venga approvato la prossima settimana. Diversamente dallo scorso anno è stato fatto due mesi prima dell’inizio stagione e questo ci permette di avere regole chiare e di essere già operativi».

L’augurio, per gli impiegati del settore, è infatti quello che non ci siano chiusure improvvise come lo scorso anno. «Lo sci è uno sport praticato all’aria aperta - dice Cangiotti - e con le nuove regole le probabilità di rischio di contagio sugli impianti sono minime. Ad oggi non ci sono arrivati nemmeno i ristori per la chiusura dell’anno scorso, quindi restare fermi un altro anno ci darebbe il colpo di grazia. Dalla prossima settimana - conclude - abbiamo in programma le varie revisioni e i controlli agli impianti di innevamento. Abbiamo annunciato l’apertura per il 4 dicembre, ma se ci dovessero essere le condizioni per aprire vorremmo essere pronti a farlo già da metà novembre».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA