Zona rossa, arancione e gialla: a Natale Lombardia e Campania rischiano di restare chiuse. Uno su 4 positivo a Milano

Domenica 15 Novembre 2020 di Mauro Evangelisti
Zona rossa, arancione e gialla: a Natale Lombardia e Campania rischiano di restare chiuse. Uno su 4 positivo a Milano

In questo momento ogni 88 italiani, uno è positivo. E parliamo solo di quelli che sono stati trovati con il tampone: se si potessero sommare anche gli asintomatici che sono infetti senza saperlo, il numero totale di chi oggi ha il coronavirus salirebbe in modo consistente. Con questi numeri, anche una parziale riapertura generale, a ridosso di Natale, non potrà essere accompagnata dalla collocazione di qualche regione in fascia verde con il liberi tutti. Lo status di gialla, con conseguenti chiusure sia pure meno severe, sarà la base di partenza per tutti. Ormai tutte le Regioni sono prudenti: ad esempio Marco Marsilio, governatore dell'Abruzzo (fascia arancione), oggi deciderà nuovi provvedimenti restrittivi.

Lockdown, decreto Natale per le riaperture: orari più lunghi e ristoranti attivi


In Italia oggi in 688.435 hanno un tampone positivo e non si sono ancora negativizzati, ma c'è un dato che colpisce: oltre 156mila sono in Lombardia. In altri termini: quasi un attualmente positivo su 4 si trova in quella regione, con una concentrazione altissima in provincia di Milano. Certo, la Lombardia ha 10 milioni di abitanti, ma non basta a spiegare una incidenza così marcata. Ancora: nelle terapie intensive lombarde ci sono 817 pazienti, si conferma il rapporto di 1 a 4 sul totale italiano (3.306). Questi numeri rendono molto complicato pensare che, a Natale, Milano possa tornare in fascia gialla. Sia chiaro: stando alle valutazioni della cabina di regia con i 21 indicatori, la Lombardia potrebbe aspirare, venerdì, a un passaggio dall'attuale fascia rossa a quella arancione, ma ci sono alcuni dati che fanno risultare un azzardo qualsiasi fuga in avanti. L'Rt è diminuito, ma è ancora a 1,61, anche se un altro valore, definito Rt puntuale è a 1,46; l'incidenza è altissima, 570,74 casi per 100.000 abitanti, il doppio del Lazio; il tasso di riempimento delle terapie intensive è al 58 per cento, sopra il livello ritenuto accettabile del 30; stesso discorso per l'area medica, con un tasso di riempimento al 48, quando il livello di riferimento è a 40. Ultimo tassello: la capacità di fare tamponi è saltata, tanto che l'Ats di Milano ha informato i medici di base che i test vanno eseguiti solo ai sintomatici, i contatti stretti di un positivo possono aspettare. E anche per chi ha i sintomi Covid, viene segnalata un'attesa fino a 10 giorni per un tampone in una struttura pubblica, così in molti, spaventati, si rivolgono ai privati, ma le tariffe vanno da 70 a 150 euro.

Video


INCOGNITE
Appare complicato pensare che una regione come la Lombardia in cui, ogni giorno, si registrano tra gli 8mila e i 10mila nuovi positivi, tra un mese possa tornare in fascia gialla. Ma lo stesso ragionamento va fatto per Piemonte e Campania. Il Piemonte ha una incidenza di casi positivi su 100mila abitanti simile a quella della Lombardia, ma ha un tasso di riempimento degli ospedali perfino più alto: stando ai dati della cabina di regia, è al 59 per cento di occupazione di posti di terapia intensiva e addirittura al 92 per gli altri reparti. Ha dalla sua un Rt sceso molto, attorno a 1,31, che in teoria potrebbe consentirgli di aspirare alla fascia arancione (oggi è in fascia rossa), ma anche ieri ha registrato un numero molto elevato di positivi, 4.471 su appena 19.715 tamponi. In pratica, ogni 5 test il Piemonte trova un infetto, una frequenza preoccupante. C'è infine il caso della Campania, altra regione a rischio Natale senza riaperture: qui la situazione è più complessa, perché solo nell'ultima settimana la Campania è finita in fascia rossa; c'è una realtà parallela dei numeri, non così drammatici, che non coincide con le testimonianze e le immagini che arrivano soprattutto da Napoli e dalla provincia di Caserta. L'Rt comunque è sempre sopra 1,6, e la percentuale di riempimento di terapie intensive e degli altri reparti è sopra il livello di guardia. Se non ci sarà una inversione di rotta, soprattutto nel rispetto delle regole e delle misure di prevenzione, difficilmente la Campania riuscirà ad allentare l'assedio degli ospedali. Infine, ci sono due aree di cui non si parla molto ma che potrebbero rischiare un inasprimento delle misure di contenimento nella prossima riunione della cabina di regia. Una è in fascia arancione, la Basilicata: ha l'indice di trasmissione sopra a 1,6, non ha dati disponibili sui ricoveri (e questo è un problema), ha una classificazione di rischio alto per più di 3 settimane consecutive; in fascia gialla c'è la provincia autonoma di Trento (quella di Bolzano è rossa), ma si ritrova però con entrambi gli indicatori dei posti letto occupati allarmanti. Le due grandi regioni in fascia gialla, Veneto e Lazio, per ora si salvano, sono candidate a un Natale senza inasprimenti, ma molto dipenderà dall'andamento dell'epidemia nei prossimi giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA