Bimbo di 10 mesi muore all'ospedale di Siena: era stato dimesso poche ore prima

Giovedì 30 Maggio 2019
Bimbo di 10 mesi muore all'ospedale: era stato dimesso poche ore prima

Un bambino di 10 mesi è morto, ieri, al policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena. Lo rende noto l'Azienda ospedaliero-universitaria senese che, in una nota, «esprime la massima vicinanza alla famiglia del piccolo». Il bimbo era da tempo in cura presso l'ospedale e nel pomeriggio di domenica 26 maggio è stato accompagnato al pronto soccorso dai genitori per problematiche gastrointestinali. Dopo alcune ore di osservazione sotto controllo pediatrico è stato dimesso in seguito al miglioramento delle sue condizioni.

LEGGI ANCHE Bimbo morto all'asilo a Roma, la Procura indaga per omicidio colposo

Per il riacutizzarsi dei sintomi del bambino, la famiglia si è recata nuovamente al pronto soccorso nella tarda serata di lunedì 27 maggio. Come nel primo accesso, «il bimbo è stato preso in cura prontamente nell'ambito del percorso pediatrico», precisa la Aous in una nota. La situazione clinica è «purtroppo peggiorata nel corso delle ore successive e, nonostante le procedure di emergenza attivate, il bambino è deceduto».

«Sottolineiamo quindi una tempestiva presa in carico del piccolo al fine di poter fornire tutto il supporto clinico assistenziale possibile. Abbiamo fatto tutto il possibile in scienza e con amore per il bambino, non è stato sufficiente ma l'ospedale ha fatto tutto il possibile», afferma il direttore generale dell'Aous, Valtere Giovannini.

«Manifesto la massima vicinanza di tutto l'ospedale alla famiglia - dichiara Giovannini - in primis con il dolore fino alle lacrime dei professionisti che hanno assistito il piccolo. Comprendiamo la volontà del padre e della madre di cercare di dare una spiegazione a quanto accaduto; abbiamo subito studiato e valutato il percorso sanitario del bambino, esprimendo ai genitori l'intenzione di richiedere un riscontro diagnostico ed effettuando un audit a cui hanno partecipato oltre 40 professionisti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA