Metro Roma ostaggio delle bande: minorenni picchiati e rapinati sulle linee A e C

Ci sono filmati e denunce delle vittime. Fioccano le denunce

banda_gang_metro_roma_aggressioni
banda_gang_metro_roma_aggressioni
di Emilio Orlando
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Marzo 2023, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 08:13

Due pericolose bande di giovani criminali tengono in “ostaggio” alcune fermate delle metro C e A, seminando il terrore tra i coetanei. 
Ispirate ai personaggi e alle canzoni trapper e rap in voga tra gli adolescenti, questi ragazzi “oltre il limite” vestono con tute sportive, indossano cappellini con visiera e felpe con il cappuccio. Ma soprattutto fanno paura. 

La vittima viene picchiata e derubata


Si avvicinano con la scusa di chiedere un euro oppure una sigaretta: poi la vittima prescelta viene circondata e picchiata.

Il bottino spesso è costituito dallo smartphone e dal denaro trovati nelle tasche: in alcuni casi, i malcapitati sono stati rapinati anche di capi d’abbigliamento di valore. 

Una delle gang è formata da 4 adolescenti


Una delle due gang (quella che si aggira nelle stazioni metro di Conca d’Oro, Rebibbia, Ponte Mammolo e San Giovanni) è composta da almeno quattro adolescenti violenti. Anzi, secondo le testimonianze dei minorenni che hanno avuto il coraggio di denunciare e in base alle immagini estratte dagli investigatori e contenute nelle telecamere di videosorveglianza degli scali metropolitani, tra i componenti della banda ci sarebbe anche una ragazza adolescente, che parteciperebbe ai pestaggi. Tutti naturalizzati italiani ma con genitori di origine nord africana o sud americana, i membri della banda della metro bivaccano dal pomeriggio fino alla chiusura dei varchi. Sono almeno dieci, le aggressioni e le rapine denunciate a polizia e carabinieri su cui la Procura di Roma ha delegato per le indagini. Il 13 febbraio scorso due ragazzine non ancora quattordicenni erano sono state aggredite a pugni e calci nel quartiere Montesacro sempre dagli affiliati alla stessa gang. Ad una delle adolescenti, il commando aveva rotto un dente soltanto perché si era rifiutata di dare i soldi. I giorni più frequenti per mettere a segno sono i colpi quelli del week end, con il sabato in testa. 

Le segnalazioni


Diverse anche le segnalazioni, di ragazzi e commercianti del Tridente (in particolare di quelli nella zona di piazza Mignanelli) sulla presenza attiva della “gang dei marocchini”, che è solita radunarsi in comitiva sotto la “Colonna dell’Immacolata Concezione” di piazza Mignanelli e sulla salita dei Cappuccini. Una banda pericolosa, che si aggira intorno alla metropolitana di piazza di Spagna e che semina letteralmente il panico tra le comitive giovanili che frequentano il Centro storico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA