Napoli, agguato vicino a una scuola: uomo ucciso davanti al nipotino. Il parroco: «Ferocia assurda»

Agguato vicino a una scuola, uomo ucciso davanti al nipotino
Agguato vicino a una scuola, uomo ucciso davanti al nipotino
di Melina Chiapparino
Un vero e proprio agguato. Un uomo, Luigi Mignano, 57 anni, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco nel Rione Villa, a Napoli. Una pioggia di proiettili. Per Luigi Mignano, 57 anni, ritenuto dagli investigatori vicino al clan Rinaldi, non c'è stato scampo; ferito alle gambe il figlio Pasquale, di 32 anni. L'ultimo omicidio a Napoli si è consumato nella mattinata di oggi, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, nella periferia orientale della città, nei pressi di una scuola dell'infanzia. Un quartiere già scenario delle "stese" della camorra (esplosione di colpi di pistola lungo le strade a scopo intimidatorio). L'agguato sotto gli occhi di un bambino di 4 anni, figlio di Pasquale, che nonno e papà stavano accompagnando a scuola. Quando sul posto sono arrivate le forze dell'ordine a terra c'era ancora lo zainetto del bimbo. 

Ex calciatore ucciso e sciolto nell'acido, pm chiedono l'ergastolo per madre e figlio accusati di omicidio

Luigi e Pasquale Mignano erano appena usciti da casa, in via Ravello, e stavano salendo a bordo della loro auto quando sono stati sorpresi dai killer, giunti in sella ad uno scooter. I sicari, di cui uno a volto coperto, hanno esploso 12 colpi di pistola. Un agguato che ha suscitato la reazione indignata dei cittadini della zona ed ha riacceso la polemica tra le forze politiche e i rappresentanti delle istituzioni sulla sicurezza in città. «Noi, la scuola, le associazioni, la parrocchia, ci sentiamo abbandonati», ha accusato Valeria Pirone, dirigente della scuola «Vittorino Feltre» di Napoli, che si trova vicino al luogo dell'agguato.

«Fino a stamattina eravamo fiduciosi che la situazione fosse migliorata, poi un agguato davanti ad un bimbo di quattro anni, il nipote della vittima, ci ha fatto capire che la ferocia è aumentata», ha rilanciato padre Modesto Bravaccino che guida la comunità della chiesa, a due passi dal luogo del raid. Per il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dinanzi a fatti come questi «basta parole, servono fatti». Per il primo cittadino di Napoli è necessario «chiedere allo Stato più forze di polizia perché il controllo del territorio è compito esclusivo e precipuo dello Stato».

Ma per il deputato della Lega, Gianluca Cantalamessa, il Viminale sta facendo la sua parte sostenendo inoltre che il sindaco «non solo è inadeguato a risolvere i problemi della città ma addirittura li usa per farne campagna una deludente campagna elettorale». Preoccupazione è stata espressa anche dal presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca. «Siamo alla barbarie. Il terribile omicidio del rione Villa ci ricorda drammaticamente che sicurezza e lotta alla criminalità sono - ha detto De Luca - una priorità. Ci aspettiamo immediata ed efficace dallo Stato».

«La camorra oggi ha nuovamente mostrato tutta la sua bestialità, la sua ferocia. È inaccettabile che questi fatti accompagnino la vita di tanti napoletani onesti. Non dobbiamo diminuire l'attenzione su territori già così provati dall'arroganza della mafia», ha scritto su twitter il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia. Intanto, prosegue senza sosta il lavoro degli agenti della squadra mobile della questura di Napoli per fare luce su quest'ultimo omicidio. Si indaga a tutto campo ma si parte da una certezza: i sicari sono entrati in azione per uccidere.
 


Padre Modesto stava pregando nella cappellina «quando ho sentito tantissimi colpi di arma da fuoco». «Sono uscito e ho visto che c'era una persona a terra - racconta - il tutto a pochi metri dalla scuola e dalla chiesa dove gli anziani stavano venendo a messa». Luigi Mignano, la vittima dell'agguato, e il figlio Pasquale, papà del bimbo di tre anni, stavano accompagnando molto probabilmente con l'auto il piccolo all'asilo. «Fino a stamattina eravamo fiduciosi - aggiunge il parroco - c'era stata la manifestazione anticamorra un anno fa, l'incontro con Salvini, con la Municipalità, con il sindaco. Insomma sembrava che le forze dell'ordine avessero assicurato maggiore sicurezza invece la situazione, concretamente, non sembra migliorata ma peggiorata. Sto da otto anni in questa parrocchia, si è sparato tanto ma non si era mai ammazzato nessuno. La ferocia è aumentata». La chiesa San Giuseppe e San Giovanni di Lourdes si trova accanto al luogo dell'agguato e, sottolinea padre Modesto, «é l'unico punto di aggregazione del quartiere». «Se vuoi andare al parco giochi devi venire qui, se vuoi giocare a calcetto devi venire qui - dice - organizziamo eventi di aggregazione. Oggi questo omicidio in un orario in cui i bimbi stavano andando a scuola, questa è ferocia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 9 Aprile 2019, 09:28 - Ultimo aggiornamento: 09-04-2019 19:49

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO