Diego Mandola muore precipitando dal balcone in Francia: il cameriere di Salerno aveva 36 anni

Diego Mandola muore precipitando dal balcone: il cameriere di Salerno aveva 36 anni
Diego Mandola muore precipitando dal balcone: il cameriere di Salerno aveva 36 anni
di Antonietta Nicodemo
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2022, 08:33 - Ultimo aggiornamento: 21:05

Il cameriere Diego Mandola, 36 anni, di Sapri, in provincia di Salerno è morto ieri in Francia per le gravi ferite riportate cadendo dalla terrazza della propria abitazione a Thonon-les-Bain sul lago di Ginevra. La salma è sotto sequestro ed è stata disposta l'autopsia.

Diego da un po' di tempo lavorava in un ristorante siciliano in Francia. Solo alcuni giorni fa era tornato a Sapri per una breve vacanza, che ha trascorso con i parenti e gli amici. Il dramma si è consumato ieri mattina nell'alta Savoia.

Gli inquirenti devono accertare le ragioni per le quali il giovane cameriere è caduto dall'edificio. Da capire se Diego era da solo e chi eventualmente era in sua compagnia. È scivolato, è stato spinto o la tragedia è l'esito di un gesto estremo? Diego era un ragazzo solare, un grande lavoratore, difficile, per chi lo conosceva, credere che si tratti di suicidio. I familiari sono in contatto con il consolato italiano in Francia, in attesa che venga sciolto il giallo e soprattutto del dissequestro della salma per la celebrazione dei funerali. Dolore e sgomento nella città della Spigolatrice e sui social per la scomparsa improvvisa del giovane cameriere. Tanti i messaggi su Facebook dei suoi amici. «Mi mancherà il tuo sorriso, la tua gentilezza, i tuoi sfottò se la Juve perdeva. Non so cosa è successo e nemmeno mi interessa saperlo. È triste che non ci sei più».

Questo è solo uno dei post comparsi appena si è diffusa la notizia del volo mortale di Diego, una persona molto apprezzata a Sapri, dove ha sempre vissuto e dove faceva sempre ritorno quando gli impegni di lavoro glielo consentivano. Un altro giovane costretto a lasciare il suo paese in cerca di fortuna altrove. Prima della Francia aveva lavorato nel nord Italia. Tanti dei suoi amici ricordano sui social la sua passione per il Napoli. Sapri ora lo attende per l'ultimo saluto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA