Vaccino AstraZeneca: Sonia, 54 anni, in coma dopo il siero. Tutti i casi sospetti in Italia

Martedì 16 Marzo 2021 di Simone Pierini
Vaccino AstraZeneca: Sonia, 54 anni, in coma dopo il siero. Tutti i casi sospetti in Italia

L'ultimo caso sospetto vede coinvolta una donna di 54 anni, Sonia Battaglia, di San Sebastiano al Vesuvio (Napoli). È ricoverata in gravi condizioni all'Ospedale del Mare per un'emorragia cerebrale. Secondo i familiari, la colpa della sua condizione sarebbe proprio del vaccino AstraZeneca ricevuto lo scorso primo marzo.

 

 

Vaccino Astrazeneca, il virologo Maga (Cnr): «Fare luce sui coaguli, i problemi forse nella filiera»

 

Il fratello ha diffuso un video su Facebook, chiedendo al ministro della Salute Roberto Speranza di bloccare il vaccino che - secondo lui - «sta causando le stesse identiche reazioni a tutti quelli che muoiono o sono in situazioni di salute gravi, cioè emorragia cerebrale e trombi». Decisione che è arrivata poche ore dopo dall'Aifa. Per l'uomo «è chiaro che c'è una correlazione, mia sorella l'ha fatto per senso del dovere, non è giusto che debba rimetterci la vita o la salute». 

 

Astrazeneca, l'Europa stoppa il vaccino di Oxford: «In via prudenziale, ma è sicuro»

 

Sempre nel Napoletano si attendono gli esami istologici per stabilire le cause della morte di Vincenzo Russo, bidello 58enne di una scuola di Casalnuovo, deceduto il 10 marzo tre giorni dopo essersi vaccinato con AstraZeneca. Dall'autopsia, svolta venerdì scorso al Secondo Policlinico di Napoli, non sono emerse infatti indicazioni chiare circa la causa del decesso, né tantomeno di una presunta relazione con la somministrazione del vaccino. I familiari dell'uomo hanno presentato una denuncia sottolineando le buone condizioni di salute di Russo fino a due giorni dopo la l'iniezione.

 

Ispettori che sono già al lavoro a Siracusa che ieri mattina si sono recati all'ospedale Umberto I per la morte del 43enne Stefano Paternò sottufficiale della Marina militare morto martedì quindici ore dopo il vaccino. Infine a Biella il procuratore Teresa Angela Camelio ha aperto un'inchiesta per la morte del professore di clarinetto Sandro Tognatti, diciassette ore dopo la puntura.
riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 10:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA